Gli studenti dialogano con Gianni Canova e Claudio Noce, ottimo inizio per “L’Ora di Cinema”

Scuole di tutt’Italia (Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, Puglia, Sicilia, Sardegna) hanno partecipato nella mattinata di ieri lunedì 24 maggio ai primi due appuntamenti in streaming de L’Ora di Cinema: la visione (alle ore 9.00) di “Padrenostro”, il film diretto da Claudio Noce presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia per il quale Pierfrancesco Favino ha ricevuto la Coppa Volpi e l’incontro con il regista moderato dal critico cinematografico Gianni Canova (alle ore 11.10).

blank

Ha aperto la mattinata Mario Magnelli – preside del Liceo Classico Melchiorre Gioia di Piacenza, partner del progetto fin dall’inizio – che ha ringraziato Marco Bellocchio presidente di Fondazione Fare Cinema e Paola Pedrazzini, direttrice, e ha ribadito l’importanza nazionale della manifestazione che ha il cuore a Piacenza (gran parte del sistema scolastico partecipa) ma diramazioni capillari nazionali, sottolineando l’importanza del concetto di “cinema nella scuola”.

Pedrazzini ha salutato e ringraziato per la loro partecipazione Claudio Noce e Gianni Canova (di cui ha menzionato i percorsi artistici), ricordando con piacere il loro rapporto con il Bobbio Film Festival (Noce presentò a Bobbio il suo film d’esordio Good morning Aman e Gianni Canova tenne a battesimo il primo Corso di critica cinematografica collegato al Bobbio Film Festival nel 2009).

L’incontro si è rivelato interessantissimo: Canova ha ricordato la figura del padre assente o inadeguato nel cinema italiano (oltre a I Pugni in tasca, L’avventura di Antonioni,  La dolce vita di Fellini…) e ha guidato Noce nell’analisi del linguaggio cinematografico del film (l’uso del piano sequenza, per una particolare “altezza visiva”; la fotografia, le canzoni – con Buonanotte fiorellino di De Gregori su una delle immagini più forti -, il suono di presa diretta…).

Noce ha ripercorso le tappe della scrittura della sceneggiatura a partire dalla realtà autobiografica e il rapporto tra visibile e non visibile.

Nel primo pomeriggio il terzo appuntamento della prima giornata de L’Ora di Cinema ha visto la partecipazione di Mario Perrotta, autore, attore e regista teatrale considerato una delle voci più significative del panorama teatrale italiano, che in un incontro inedito non sul cinema ma sul tema del festival – la figura del padre – ha accompagnato metaforicamente gli spettatori nel laboratorio del drammaturgo. E’ stata infatti ricostruita la genesi del suo spettacolo teatrale sulla figura del padre a partire dall’analisi delle tipologie di padri contemporanei (dal padre impositivo al padre narciso).

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank