Murelli (Lega): “No ai permessi di protezione convertiti in permessi di lavoro”

blank

«Convertire i permessi per la protezione speciali in permessi per motivi di lavoro, come prevede il Decreto immigrazione, altro non è che una sanatoria mascherata che non avrebbe alcun impatto positivo sull’occupazione. Con il rischio il fondato del concretizzarsi di rapporti di lavoro fittizi, l’aumento dei cosiddetti finti profughi, il celarsi, dietro questi rapporti, del pericolo del terrorismo».

Radio Sound blank blank blank blank

Lo afferma, la deputata della Lega, Elena Murelli, che ha presentato, il 2 dicembre, un Ordine del giorno alla Camera, con altri 18 parlamentari. Per la conversione del permesso di soggiorno, l’immigrato dovrebbe avere un alloggio, un reddito non inferiore all’assegno sociale e un’assicurazione sanitaria. «Naturalmente – afferma Murelli – il Governo solo per questioni ideologiche ha votato contro».

Secondo i firmatari «si dovrebbe garantire l’accoglienza di nuovi immigrati solo nella misura in cui il Paese sia in grado di assicurare condizioni di vita dignitosa per i richiedenti. Togliamo gli stereotipi: la Lega nulla ha contro chi viene in Italia regolarmente per lavorare e per contribuire alla crescita del nostro Paese. Siamo, invece, pienamente contrari a chi usa l’Italia, il suo sistema sanitario, il suo sistema assistenziale solo per delinquere o lavorare in nero, alimentando la mafia o le organizzazioni che speculano sulla pelle dei poveri immigrati che credono di trovare in Italia una vita migliore. L’aumento esponenziale di permessi convertibili farà solo aumentare il lavoro per la pubblica amministrazione e i costi per la collettività».

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank