Passaggio Generazionale,fondamentale per la tenuta del sistema produttivo italiano, a Piacenza coinvolte il 18,3% delle imprese -AUDIO

Passaggio Generazionale
Piacenza 24 WhatsApp

Passaggio Generazionale, tra il 2013 e il 2023 un quinto delle imprese in Emilia-Romagna con oltre 3 addetti controllate da una persona fisica o da una famiglia ha affrontato o si troverà ad affrontarlo. In Emilia-Romagna, secondo gli ultimi dati Istat elaborati da Studio Temporary Manager -società specializzata nei servizi di temporary management- il 72,6% delle imprese emiliano-romagnole con oltre 3 addetti, pari a oltre 66.300 aziende, è controllata da una persona fisica o da una famiglia e circa un quinto di queste 20,2% tra il 2013 e il 2023 ha affrontato o affronterà questo passaggio delicato. A Piacenza la percentuale è del 18,3% , la più bassa della Regione.

Passaggio Generazionale la situazione in Emilia Romagna

Il quadro che emerge dai dati colloca la Regione Emilia Romagna – racconta Gian Andrea Oberegelsbacher, AD di Studio Temporary Manager – in una situzione molto simile alle altre regioni italiane. sottolineo ad esempio che il 40% degli imprenditori continua ad entrare in modo incisivo nelle decisioni aziendali. Questo non aiuta la governance ottimale dell’azienda, ci sono moltissimi imprenditori in Emilia Romagna ancora in sella a 70, 80 anni, li è ancora più spiccata la distanza tra le due generazioni, i figli che sono nativi digitali e il genitore che non sa nemmeno scrivere una mail e la detta alla sua segretaria. Difficile in una situazione del genere pensare di realizzare una implementazione digitale ad esempio o affrontare una transizione verso una maggiore sostenibilità. Più è forte la differenza di età, più è difficile il passaggio generazionale”.

Audio Intervista con Gian Andrea Oberegelsbacher

Passaggio Generazionale la situazione nelle imprese

Dai dati – sottolinea Gian Andrea Oberegelsbacher – è emerso che la maggior parte degli imprenditori non si è preparata al passaggio generazionale, per gestirlo al meglio. E’ uno dei momenti più delicati per un’azienda e spesso non esiste uno storico se l’attuale proprietario è anche il fondatore dell’impresa. Il passaggio si delinea molto delicato e anche conflittuale per questo è importante avvalersi di manager che facciano da ponte tra le due generazioni, aiutano l’ingresso dei figli, valorizzandoli, dando loro coscienti responsabilità, permettendo al padre di vedere quali sono i risultati, questo aiuta molto all’interno dell’aziennda anche se ci sono più figli”.

Passaggio Generazionale i dati per provincia

Secondo l’analisi di Studio Temporary Manager a livello provinciale sui cambi generazionali, al primo posto per incidenza troviamo Parma e Bologna, dove il 21,2% delle imprese con oltre 3 addetti controllate da una persona fisica o da una famiglia tra il 2013 e il 2023 ha affrontato o affronterà il passaggio generazionale. Seguono Ferrara (20,8%), Reggio nell’Emilia (20,7%), Ravenna (20,3%), Modena (19,8%), Rimini (19,1%), Forlì-Cesena (18,4%) e Piacenza (18,3%).

Passaggio Generazionale percorso pianificato

Il passaggio generazionale – spiega Gian Andrea Oberegelsbacherè sottolineo molto delicato e la preparazione dei figli è fondamentale, l’avvicendamento può essere fatto una volta che il o i candidati saranno adeguatamente preparati. La pianificazione va fatta qualche tempo prima passando per i master e poi l’immancabile esperienza all’interno dell’azienda, per conoscere i settori e tutte le persone che i genitori hanno assunto nel tempo. Gradualmente l’avvicendamento ci sarà e avverrà nel momento in cui i candidati saranno pronti per fare questo passo. La scelta va poi avallata dalla famiglia e dal manager che ha seguito tutta la formazione, il figlio deve essere bravo come il padre se non di più”.

Organizzazione di un percorso formativo

“Il percorso formativo si dovrebbe pianificare fin dal periodo scolastico sceglienda dei percorsi di studio che siano il più vicino alle inclinazioni o ai talenti dei figli in modo che essendo specializzati ognuno nel loro settore avranno più controllo sull’impresa in assenza del titolare o quando lo stesso deciderà di lasciare. Ribadisco che il concetto di preparazione per tempo è fondamentale”. La presenza di un esperto come quelli di Studio Temporary Manager, che ne ha seguiti moltissimi negli ultimi 20 anni, diventa molto utile per eliminare un numero elevato di frizioni e di inutili litigi che influiscono sulla governance dell’azienda aiutandosi con un business plane mette a nudo e da risalto ai risultati che i figli portano in azienda in modo che i giudizi non siano basati solo sul pensiero del singolo ma su fatti oggettivi che sono i numeri e i risultati.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank