Piacenza calcio, Scianò: “Bisogna fermare il campionato” – AUDIO

piacenza calcio, scianò
Piacenza 24 WhatsApp

Le parole di Marco Sciano’, DG del Piacenza calcio, a commento della proposta di annullare il campionato di serie C, con eventuali proposte

Marco Scianò, la voce del Piacenza calcio, ha parlato ai microfoni di RadioSound. Il DG ha commentato le proposte del direttivo di LegaPro: annullare il campionato di serie C e sorteggiare la quarta promossa oltre a Monza, Vicenza e Reggina.

Bisogna fermare il campionato. Il mondo ha altre necessità e non si deve rimanere in balia del campionato di serie C. Si devono studiare condizioni e regole per una prosecuzione nel prossimo anno. Inoltre, c’è la necessità di verdetti che non penalizzino nessuno: quindi il Consiglio Direttivo riconosce il primato delle prime in classifica (cosa non scontata), ed attribuisce la quarta promozione ad un sistema a sorteggio visto che è impossibile tornare in campo“.

In serie B ci sono state diverse lamentele su quest’ultima proposta

“Io dico che siamo su scherzi a parte se non fermiamo il campionato. Poi, se proprio si deve fare una quarta promozione, la assegneremo tramite sorteggio. Per le retrocessioni non facciamo un danno a chi era in lotta, e diamo subito l’ok alla serie D per promuovere 9 squadre, ed alla serie B non fare retrocessioni. Questo disegno regala un plus a serie B e serie D. Inoltre, chi parla di rischio di sovra numero non tiene conto che in estate ci sarà una ecatombe di squadre”.

Stop al campionato

“I protocolli sanitari sono giusti ma irrealizzabili. In questo momento siamo in preda ad una grande preoccupazione, ed il mondo del calcio dev’essere un piccolo esempio evitando posizioni personalistiche e di interesse. Io penso che il campionato andrebbe annullato. Ben vengano i verdetti, ma non si può continuare a giocare.

Una presa di posizione del governo avrebbe aiutato l’assunto

“Sicuramente il governo avrebbe portato un intervento risolutore, che avrebbe sollevato tutti dalle responsabilità. La Federazione ha un potere governativo, per cui basterebbe anche il loro assenso. Tolta la serie A, che ha un potere troppo enorme da dover rispettare, per la serie B e la C non ha senso di continuare”.

L’intervista completa a Marco Sciano’, direttore generale del Piacenza calcio

Radio Sound
blank blank