Prenatal lascia Castel San Giovanni e si trasferisce a Pavia, i sindacati: “Pronti a soluzioni per tutelare i 140 lavoratori”

Piacenza 24 WhatsApp

Il sindacato confederale piacentino è di continuo impegnato per la difesa del lavoro nel settore logistico che si svolge nei poli del territorio e particolarmente a Castelsangiovanni. 

LA NOTA DEI SINDACATI

L’annunciata intenzione di Prénatal di trasferirsi a Pavia, dopo più di dieci anni di presenza a Castelsangiovanni, è un segnale che é stato immediatamente recepito: se i conti economici possono essere un movente fin troppo comprensibile, la scelta di una diversa organizzazione del lavoro è più difficile da prendere in considerazione.

Un sito moderno e strategico

Infatti, il sito di Castelsangiovanni è uno dei più moderni, strategici  e efficienti del settore, e la forza lavoro è qualificata. I sindacati di categoria di CGIL e CISL sono pronti a studiare, e mettere in atto, quanto necessario perché le ricadute occupazionali di questa decisione potrebbero coinvolgere 140 lavoratori. Filt CGIL e Fit CISL Piacenza sono pronte e  disponibili a valutare cambiamenti sul piano dell’organizzazione del lavoro,  per tutelare l’occupazione se ciò fosse realmente necessario, considerando che la legalità è una conquista da difendere perché equa e vantaggiosa in prospettiva per i lavoratori come per le realtà aziendali e il comparto nel suo complesso.

Il sindacato ritiene perciò che debba essere rifiutata la logica falsata per cui il rispetto della legalità e dei diritti, gli accordi, che garantiscono una maggiore qualità del lavoro, possano essere considerati un deterrente per le imprese che cercano di ridurre i costi. Il sindacato chiede la collaborazione delle istituzioni, con cui é stato firmato il protocollo della legalità, per trovare soluzioni che salvaguardino i posti di lavoro e favoriscano la crescita economica del territorio piacentino, cosí come anche previsto dal patto per il lavoro e per il clima della regione Emilia Romagna.

“Occorre fare percepire maggiormente la qualità della logistica piacentina”

Occorre fare quadrato per fare percepire maggiormente la qualità della logistica piacentina, perché I lavoratori che godono di condizioni di lavoro stabili e dignitose sono più produttivi e meno soggetti a turnover, le imprese che rispettano la legalità sono meno esposte a sanzioni e a rischi reputazionali, le imprese che investono nella formazione e nello sviluppo delle competenze dei propri lavoratori sono più competitive sul mercato.

È possibile che Prénatal abbia ritenuto che un’organizzazione del lavoro più flessibile e precaria possa essere più vantaggiosa in termini di costi: occorre intervenire, e noi siamo pronti, affinché ci sia una più approfondita presa in esame di questa scelta e fare in modo che il lavoro rimanga. 

Serve infine una seria riflessione delle istituzioni locali sulla riqualificazione dei siti logistici dismessi in caso di abbandono dei gestori, tema questo molto delicato, che interessa tutta la comunità piacentina.

Radio Sound
blank blank