Sanità, presidio di fronte all’ospedale di Piacenza: “Servono risorse, non solo parole”

Cardiologia aperta

Nonostante le rassicurazioni della Regione Emilia-Romagna, la mobilitazione di Cgil-Cisl-Uil continua per ‘salvare’ le buste paga degli operatori sanitari. “Servono risorse oltre alle dichiarazioni- avvertono i sindacati- andremo avanti fino a quando non arriveranno risposte concrete”.

blank

La nota dei sindacati

A metterlo in chiaro sono i segretari regionali di Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl Emilia-Romagna: Marco Blanzieri, Carmela Lavinia, Paolo Palmarini. “Bene le risorse per la campagna vaccinale arrivate dal Governo- affermano- e, dalle dichiarazioni dell’assessore regionale Raffaele Donini, in via di assegnazione alle aziende. Cio’ che serve pero’ sono risposte strutturali per il salario delle donne e degli uomini che lavorano nelle aziende, le colonne portanti del nostro servizio sanitario regionale.

Serve un impegno a superare vincoli di spesa assurdi che rischiano di penalizzare chi lavora e chi assume per migliorare i servizi, come nel caso della nostra Regione”.

I sindacati ricordano che “le assunzioni sono irrinunciabili.

Lo erano prima della pandemia, visti gli anni di blocco del turnover, e lo sono ancor di piu’ in questo momento per garantire tutti i percorsi assistenziali alla cittadinanza”. Pero’, avvertono Cgil-Cisl-Uil, “ribadiamo con forza che se non si superano questi assurdi limiti di spesa imposti dal Ministero dell’Economia, e se non c’e’ un forte investimento di risorse sui fondi della contrattazione delle aziende del servizio sanitario regionale, gli stipendi subiranno un inevitabile calo”.

VENERDI 9 APRILE DALLE 10 ALLE 12 DAVANTI ALL’INGRESSO DELL’ OSPEDALE G.DA SALICETO – VIA TAVERNA – PIACENZA

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank