Punti di vista: “Pari strameritato”. L’analisi di Andrea Amorini dopo Renate-Piacenza – AUDIO

punti di vista, piacenza calcio

E’ scientificamente provato che i “punti di vista” di Andrea Amorini siano la lettura preferita da ogni tifoso del Piacenza calcio

blank

L’analisi dell’esperto di Radio Sound

Come in tutti i libri gialli, il meglio avviene nel finale.

Il Piacenza gioca un grande secondo tempo, guadagna terreno minuto dopo minuto e crea tre occasioni importanti: le sbaglia tutte quante, ma al 93esimo un tiro-cross di Gonzi incoccia le gambe di Damonte e porta a casa uno strameritato pareggio contro il Renate.

Ma andiamo con ordine

Nel primo tempo la squadra conferma il suo 3-4-2-1, e rispetto al passato prova a partire qualche volta con l’impostazione dal basso – se vuoi farlo i due “braccetti” della difesa a tre devono avere una migliore partecipazione al gioco palla al piede e prendersi qualche iniziativa nella metà campo avversaria creando una superiorità che possa permettere agli esterni di poter ricevere fronte alla porta avversaria.

Il piano però non funziona, e oltre al classico gol regalato succede poco altro. Nella ripresa Scazzola cambia tutto: mette la difesa a quattro, abbassa moltissimo Palma nell’impostare il gioco e inserisce Lamesta, Cesarini e Maio: tre giocatori in grado di alzare i ritmi e rendere imprevedibile la manovra.

Lì cambia la partita. Il Renate è troppo stanco per venirci a pressare e i biancorossi mettono le tende negli ultimi 20 metri dei lombardi: la sensazione del pari diventa sempre più palpabile. Poco dopo, il pareggio è una logica conseguenza.

Mercoledì c’è Piacenza calcio-Giana Erminio

Ed ora verso un altro scontro diretto contro la Giana, con la netta e sempre più forte sensazione che il futuro di questa squadra sia una difesa a 4.

I punti di vista di Renate-Piacenza calcio in formato video

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank