Sette nuovi rialzi stradali a completare le isole ambientali in città, Mancioppi: “Interventi che tutelano la sicurezza dei cittadini”

Riduzione del numero di incidenti fino al 25%, graduale recupero di spazi urbani, riduzione generalizzata del rumore nei quartieri residenziali, diminuzione del carico inquinante da veicoli e del consumo di carburante, con l’acquisizione di uno stile di guida più calmo e sicuro: sono questi alcuni degli obiettivi più evidenti, certificati anche da diversi studi e verifiche sul campo, che si prefigge l’Amministrazione con la progressiva introduzione sul territorio cittadino delle “isole ambientali”. Dopo quelle già realizzate negli scorsi anni, ne sono state introdotte nell’ultimo anno altre 7 – dall’Infrangibile al Belvedere, dallo Stadio alla Besurica – che grazie agli interventi in esse previsti, puntano a un deciso miglioramento della qualità della vita.

blank

“Nelle zone a maggiore densità abitativa – spiega l’Assessore alla Mobilità, Paolo Mancioppi – abbiamo previsto l’introduzione di zone 30, di rialzi della sede stradale e nuovi dossi, oltre a completare l’interconnessione tra piste ciclabili in modo da garantire una maggiore sicurezza e una mitigazione dell’inquinamento atmosferico”. “Rispondendo agli accordi regionali sulla qualità dell’aria e alle linee di indirizzo del PUMS recentemente approvato – continua Mancioppi – riteniamo che questo genere di interventi rappresenti, come efficacemente sperimentato in gran parte d’Europa, una soluzioni efficace per migliorare la qualità della vita nei vari ambiti della sicurezza, del paesaggio urbano, della socialità, della riduzione dell’inquinamento urbano”.

Oltre alle definizione dei confini, delle porte di ingresso/uscita, all’introduzione di segnaletica orizzontale e verticale specifica e del limite di velocità dei 30 Km/h, sulle isole ambientali così individuate sono stati realizzati interventi di sistemazione e interconnessione di tratti di piste ciclabili. In particolare, sono stati realizzati in viale Risorgimento due percorsi ciclopedonali monodirezionali sul marciapiede esistente per il collegamento del polo scolastico del viale con il parco Daturi, la pista ciclabile di via Maculani, quella di via Sant’Ambrogio e, mediante l’esistente pista del ponte sul Po, il lungo fiume. E’ stata inoltre realizzata l’interconnessione delle piste di via Maculani e via Tramello, con un attraversamento ciclopedonale in via Morselli e uno ciclabile in via Porta Borghetto/via San Bartolomeo.

Un percorso ciclopedonale bi-direzionale è stato realizzato sul Pubblico Passeggio nel tratto tra lo stradone Farnese e piazzale Roma e uno su via Patrioti, nel tratto tra via IV Novembre e piazzale Roma, con due attraversamenti pedonali su Stradone Farnese e Pubblico Passeggio.

Infine, sono stati tracciati due attraversamenti ciclopedonali in prossimità dell’intersezione stradale tra via Campagna e via Tramello, consentendo il collegamento ciclabile tra la stessa via Tramello e via Campagna, via XXI Aprile.

Tutti gli interventi sono realizzati mediante nuova segnaletica stradale verticale e orizzontale e opere di abbattimento delle barriere architettoniche.

A completamento, infine, di tutte le opere di mitigazione della velocità, sono terminati in questi giorni, in prossimità di incroci che presentavano criticità, una serie di interventi di rialzo della sede stradale. I lavori in questo senso hanno riguardato: via Bentelli/via Natali; via Campesio/via Saliceto; via Ottolenghi; via Gorra/via Pacchiotti; viale Patrioti; via IV Novembre e via Dante Alighieri/via Poggi.

Gli interventi hanno previsto la fresatura della sede stradale esistente, la realizzazione di soletta in calcestruzzo armata, la posa in opera del tappeto e la realizzazione della segnaletica orizzontale e verticale.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank