RiGiocattoliamo, Federfarma ancora al fianco di Telefono Rosa

Parte oggi “RiGiocattoliamo” il nuovo progetto di solidarietà lanciato da Federfarma Piacenza a favore di Telefono Rosa Piacenza; l’associazione locale attiva nella difesa delle donne vittime di violenza, con cui i Farmacisti Piacentini collaborano dall’autunno 2018.

Iniziativa che giunge dopo il successo della campagna “Metti pressione alla violenza”, conclusa con il ricavato di 3.200 euro raccolto favore dell’attività di Telefono Rosa. Ora è nato il desiderio di collaborare ancora, ma questa volta pensando ai bambini.

“Siamo venuti a contatto con una realtà di disagio seria e purtroppo tristemente radicata nel nostro territorio”. Lo dice la dott.ssa Francesca Sechi referente del progetto per Federfarma Piacenza. “Si è deciso quindi di aprire un orizzonte relativo a un’ulteriore dinamica legata ai bambini figli delle mamme oggetto di violenza. Da qui l’idea di contribuire ancora attraverso un nuovo progetto dedicato ai più piccoli”.

Telefono Rosa Piacenza gestisce alcune case protette all’interno delle quali trovano rifugio le donne. Donne che spesso sono mamme con bambini, allontanate da situazioni di violenza domestica. Trovare un ambiente accogliente è importante e un giocattolo in più può aiutare ad ambientarsi in una nuova situazione. Così, senza impiegare fondi, ma facendo appello alla solidarietà di genitori e bambini, Federfarma lancia la campagna “RiGiocattoliamo”; una raccolta di giochi per le case del Telefono Rosa di Piacenza.

L’iniziativa

Dall’11 giugno al 31 luglio in tutte le Farmacie aderenti sarà possibile donare giochi (in buono stato) per i bimbi e le mamme ospitati nelle case protette del Telefono Rosa. “Ai bambini che doneranno un giocattolo noi farmacisti regaleremo un palloncino come segno di ringraziamento” – dice il dott. Marcello Veneziani co-referente del progetto per Federfarma Piacenza – “ma il messaggio più importante che vorremmo trasmettere attraverso questa iniziativa è il valore della condivisione dei bisogni e della solidarietà fin da piccoli”.

“Le iniziative che abbiamo portato avanti in questi anni – prosegue il dott. Veneziani – grazie alla presenza capillare delle Farmacie hanno potuto raggiungere tutti i cittadini, compresi quelli che abitano nei paesi più lontani dalla città. A volte non tutti hanno le medesime opportunità di essere agevolati nella ricerca di soluzioni in situazioni di difficoltà e in questo le piccole Farmacie rurali dislocate in ogni paese della nostra provincia sono veri e propri presidi sanitari sul territorio che offrono oltre al farmaco le prime risposte al bisogno di salute della gente con professionalità e competenza.”

Questo nuovo progetto benefico vede ancora l’appoggio di Patrizia Barbieri, Sindaco di Piacenza e Presidente della Provincia di Piacenza, segno di come sia importante e fruttuoso il sostegno tra istituzioni e associazioni del territorio.

Da parte di Telefono Rosa Piacenza arriva la riconoscenza per un progetto che ha un grande significato in termini di sensibilizzazione sul tema della protezione delle persone più fragili: “La Presidente, il Consiglio Direttivo, le operatrici di Telefono Rosa Piacenza ringraziano, commosse, Federfarma Piacenza e il Sindaco di Piacenza per aver pensato con la consueta sensibilità, a donare un sorriso a dei bambini che vivono un momento di grande difficoltà”.