Serie A2 – Assigeco Piacenza vs Capo d’Orlando: domenica che conta al “Campus” di Codogno

assigeco piacenza

Domenica particolare per l’Assigeco che per l’ultimo appuntamento casalingo del girone di ritorno prima della fase a orologio, riapre domani le porte del “Campus” alla passione dei tifosi per la sfida con l’Infodrive Capo d’Orlando, spostata dal “Palabanca” a causa del concomitante appuntamento al “PalaBanca” della Gas Sales Piacenza di volley, domenica alle 18 (diretta su RaiSport) nei quarti di finale play off contro Trento.

Palla a due anticipata alle 17, con ingresso libero ma priorità riservata agli abbonati (accesso suggerito dalle 15.30 alle 16.30) per occupare uno dei 938 posti disponibili: l’Assigeco è però costretta a limitare il normale afflusso di abbonati e tifosi vista la grandezza delle tribune al “Campus”, nonostante la riapertura al 100% della capienza degli impianti dal 1° aprile (rimane l’obbligo di mascherina FFP2 e di super green pass)

blank

Giocare a “casa” può essere uno stimolo ulteriore per la squadra di Stefano Salieri in piena corsa per l’ingresso nella griglia play off.

La sfida con il club siciliano, vincente all’andata con un tiro da metacampo sulla sirena, è sicuramente carica di emozioni per Simone Bellan alla quarta recita in biancorossoblu. «Affrontiamo un impegno difficile dal punto di vista tecnico e, per me, emotivamente parecchio coinvolgente. Capo d’Orlando è stata la mia squadra negli ultimi tre anni, prima dello stop per infortunio – confida il 26enne esterno friulano, nel roster siciliano dal 2018 al 2021-. Sfidiamo un avversario che lotta per la salvezza, mentre noi stiamo cercando di raggiungere i play off: l’importanza del risultato rende il contesto più interessante ma anche molto complicato da decifrare. L’Orlandina non da punti di riferimento precisi, a parte i due americani che sono i principali terminali offensivi: servirà una gara molto attenta ed energica in fase difensiva per frenare l’impatto dei due stranieri adattando nel migliore dei modi il controllo sul resto dei componenti del gruppo, tutti in grado di essere pericolosi. Il “Campus”? E’ il nostro palazzetto, mi auguro sia pieno di tifosi e di calore: nell’impegnativo cammino verso il nostro obiettivo abbiamo bisogno del supporto degli appassionati».

L’Assigeco può sfruttare il clima familiare del “Campus” per continuare la striscia vincente, nonostante la perdurante assenza di Phil Carr e Luca Cesana. «Quella con l’Orlandina è una partita insidiosa e delicata: rappresenta uno snodo cruciale della nostra stagione nel cammino verso i play off. Inseguiamo quello che era un sogno diventato adesso un obiettivo importante e vogliamo raggiungerlo con tutte le nostre forze. Servirà una gara ordinata, di grande attenzione, di personalità e di forte impatto difensivo – avverte il coach Stefano Salieri -. Servirà una gara ordinata, di grande attenzione, di personalità e di forte impatto difensivo. Il nostro focus deve rimanere sulla prestazione e sui due punti finali.  L’Orlandina ha nella coppia USA (King e Mack sono 1° e 3° come punti segnati del nostro girone) e nella forza d’urto sotto canestro (sono primi nei rimbalzi offensivi) le principali qualità e risorse, unite ad una notevole imprevedibilità nelle giocate offensive. Noi siamo cresciuti tantissimo, nonostante assenze prolungate e importanti, grazie alla solidità del sistema di gioco, all’identità che abbiamo e alla feroce abnegazione dei ragazzi in tutti gli allenamenti. Adesso è il momento di raccogliere e per farlo occorre mettere sul parquet tutta la durezza necessaria. Giochiamo al “Campus”, la nostra casa, e anche questo, assieme alla carica dei nostri tifosi, deve essere una spinta ulteriore a vivere una domenica di grande sostanza».

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank