Vaccini finti, le intercettazioni dell’infermiera: “Sono sicura che è acqua fisiologica”. Proseguono le indagini

Rinviate a giudizio le maestre della Vittorino

Dovrebbero svolgersi a breve gli interrogatori di garanzia nell’ambito dell’inchiesta legata ai falsi vaccini. Inchiesta che ha visto l’arresto di V.B. e M.F.L., infermieri dell’Ausl di Piacenza accusati di aver avviato un vero e proprio business pensato per i cosiddetti no vax, o comunque per quei cittadini non intenzionati a vaccinarsi. M.F.L. avrebbe procacciato i clienti i quali avrebbero pagato V.B. per ricevere il finto vaccino. La stessa Ausl sarebbe venuta a conoscenza di quanto accadeva e avrebbe allontanato la donna dopo aver denunciato i sospetti alla Procura. L’infermiera, però, sarebbe riuscita ad approdare in una farmacia della città all’interno della quale avrebbe eseguito tamponi facendoli poi passare per positivi: in questo caso infatti i clienti pagavano per risultare positivi e quindi, ancora una volta, ottenere il green pass per avvenuta guarigione. V.B. si trova in carcere, mentre M.F.L. agli arresti domiciliari. Nel frattempo le indagini proseguono, sono 28 le persone indagate: 23 clienti, i quali potrebbero essere accusati di corruzione, e cinque infermieri la cui posizione è al vaglio.

Emergono nel frattempo le prime intercettazioni telefoniche avviate durante le indagini. In una di queste V.B. sembrerebbe parlare a un cliente citando l’acqua fisiologica: “Io approfitterei oggi perché già c’è tanta gente. Il ragazzo vi fa l’acqua. Cosa dici? […] Perché io sono sicura che è acqua fisiologica”. Ci si chiede infatti cosa accadesse all’interno delle cabine affidate all’infermiera, nel caso ovviamente la ricostruzione degli inquirenti fosse confermata: avrebbe gettato a terra il vaccino o avrebbe iniettato acqua fisiologica? In altre intercettazioni sembra spiegare ai clienti quali sintomi lamentare con il proprio medico di famiglia: “Gli dite che da 4 o5 giorni avete mal di testa, raffreddore e balle varie”.

blank

L’infermiera non agiva per una qualche ideologia no vax, essendo lei stessa vaccinata. Dalle telefonate emerge comunque una sorta di astio nei confronti del sistema: “La sanità per primo fa schifo e io mi vergogno di lavorare veramente per questa, per lo Stato per tutti”. Come detto, le indagini sono tuttora in corso.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank