Violenza sulle donne, arrivano i manifesti “interattivi” a bordo dei bus. Donatella Scardi: “Per raggiungere anche le zone più lontane della provincia” – AUDIO

Violenza sulle donne

Il Centro Antiviolenza di Piacenza “La Città delle Donne O.d.v.”, all’interno del Progetto Pe.Tra – Percorsi Trasversali approvato e sostenuto dalla R.E.R., rilancia il suo impegno costante nella  sensibilizzazione e prevenzione territoriale sulla tematica della violenza di genere.

L’azione che qui presentiamo, all’interno del suddetto Progetto, è focalizzata sulla necessità di raggiungere le donne che possono avere bisogno di informazioni sulla tematica avvalendosi di una comunicazione di facile fruizione al fine di agevolare anche le donne straniere“, spiega la presidentessa del Centro Antiviolenza di Piacenza Donatella Scardi.

Come mai avete scelto gli autobus?

Perché l’autobus è un punto in cui la donna accede per muoversi, per portare a scuola i figli o andarli a prendere, quindi abbiamo ritenuto i mezzi un buon punto di accesso. 

Dall’8 di Novembre, sugli autobus cittadini e provinciali verranno quindi affissi “cartelli volanti” dotati di QR Code all’interno del quale trovare informazioni su: come riconoscere la violenza di genere, in quali forme si può manifestare e a chi rivolgersi per chiedere aiuto e/o sostegno. 

IL PROGETTO

Il territorio pedo montano della provincia di Piacenza, offre possibilità di “sacche” nascoste dove possono prolificare sopraffazione e abusi sulle donne;   il Centro antiviolenza si è posto l’intento  di “comunicare” anche con queste  donne che soffrono l’isolamento territoriale,  attraverso una modalità molto immediata e semplice, che bypassa eventuali controlli e/o limitazioni ai contatti sociali tipici nelle relazioni violente.   L’idea è stata quindi quella di far “circolare” tramite gli autobus urbani ed  extraurbani  la capillare campagna informativa. L’ autobus diventa quindi il mezzo portatore di  conoscenza, solidarietà e sostegno tra i luoghi e contro la violenza sulle donne. Potranno così essere raggiunte anche le valli ed i paesi delle zone più impervie della nostra provincia a beneficio di donne, anche straniere, che utilizzano il bus come mezzo di trasporto per raggiungere il lavoro, portare a scuola i/le figlie/i minori ecc. oltre a fornire alla cittadinanza tutta un’occasione di riflessione su questo concreto problema sociale; uno spazio neutro che si presta ad un messaggio fondamentale: combattere la violenza di genere apportando informazione e quindi prevenzione.

Il  materiale informativo  sarà presente all’interno degli autobus  da oggi fino a fine anno 2022   proseguendo poi anche nei primi mesi del 2023. 

Già grazie al precedente Progetto “Altri Passi- Formazione in movimento” finanziato dalla R.E.R. nel 2019, il Centro Antiviolenza ha raggiunto l’obiettivo primario di sensibilizzare e formare personale professionale  come medici di medicina generale, infermieri, farmacisti, assistenti sociali, attivi nei Comuni di provincia, che possono fungere da “porte di accesso” all’accoglienza di isolamento, disagio, discriminazioni e violenza. Questa attuale iniziativa rappresenta per il Centro antiviolenza di Piacenza un ulteriore tassello all’attività pluridecennale votata al  sostegno di tutte le donne che vivono situazioni di violenza di genere.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank