Tra paura e tanta voglia di ripartire: il Webinar della Gas Sales Piacenza sulle sfide manageriali post covid-19

gas sales piacenza

La Gas Sales Piacenza, nel pomeriggio di giovedì 11 giugno, ha organizzato un Webinar per analizzare le sfide manageriali post covid-19. Tra i tanti ospiti, oltre alla dirigenza della squadra pallavolistica e ad alcuni imprenditori di Piacenza, anche il CT della nazionale di volley: Chicco Blengini.

blank

C’è un po’ di paura, ma tantissima voglia di adeguarsi al cambiamento per capire le strade del futuro. Parte così il webinar sulle sfide manageriali post covid-19 organizzato dalla Gas Sales Piacenza.

Tra i tanti ospiti presenti nella video-chiamata su Zoom, diverse personalità di spicco. In primis il board dirigenziale ed operativo della Gas Sales Piacenza, tra Elisabetta Curti, Giuseppe Bongiorni, Hristo Zlatanov ed Alessandro Fei. Il presidente del gruppo CGI Bluenergy Gianfranco Curti, insieme a Valter Bulla di Bulla sportr, Vincenzo Cerciello di Nordmeccanica, Banca di Piacenza (storico sponsor di Gas Sales Piacenza) e tantissimi altri.

A mediare il webinar Daniele Fornari, direttore del RemLab all’università Cattolica del Sacro Cuore

“Ci sono tre dimensioni di collegamento tra impresa e sport – esordisce Fornari – La dimensione della pianificazione per raggiungere gli obiettivi, la dimensione gestione risorse umane per i ruoli e le motivazioni delle persone che lavorano in gruppo e la dimensione del marketing, perché è leva delle politiche di mercato”.

Subito dopo Fornari, ecco Gianfranco Curti presidente del gruppo CGI: un’eccellenza del territorio piacentino

“Mai come in questo momento viviamo qualcosa di nuovo: usciamo dal tunnel covid per affrontare nuove sfide. Durante il periodo più buio però non abbiamo calato l’intensità, lavorando più del solito.
Uno studio del Corriere della Sera ha eletto il gruppo CG Bluenergy al 13esimo posto in Italia, ma non è un caso. Anche nello sport abbiamo aumentato il budget, ed abbiamo messo insieme una squadra che, “sulla carta”, potrà combattere con le prime della classe.

A settembre ci aspettano mesi difficili e spero che la nostra provincia riesca a superare questo periodo. Il territorio dovrà reagire perché la nostra unione è fondamentale. Sarebbe un guaio se sparissero le piccole-medie aziende, perché abbiamo tutti gli elementi per fare bene. Facciamo squadra tutti insieme”.

Paola De Micheli assente per impegni superiori (Consiglio dei ministri) ha voluto lasciare un video-messaggio

“L’obiettivo è trasformare la condizione straordinaria in una quotidianità, per trovare una nuova normalità. Sarà una ripartenza lenta ma doverosa. Come noi al Governo stiamo cambiando il sistema dei trasporti, dovremo accelerare le dinamiche della società. Post covid troveremo una società diversa, ma dovremo essere protagonisti con la creatività. Questa lentezza dobbiamo usarla in maniera pro attiva per guidare il cambiamento. Oltre alle parole arriveranno i fatti, ma tutto dipenderà dalla determinazione”.

Dopo l’intervento di Giuseppe Bongiorni, il proscenio è arrivato su Chicco Blengini, l’allenatore della nazionale

“La prima regola del post-covid è la capacità di adattamento: cambiare le abitudini e migliorare, sia nello sport che nella vita. Bisogna puntare sulle persone, ed in questo caso ancora di più per valorizzarle al massimo. Ma per farle rendere al meglio, è imprescindibile la fiducia. La gente deve fidarsi di me, sia a livello professionale che umano ed intellettuale. Deve nascere una collaborazione che diventa un’auto esigenza per sfruttare al massimo il potenziale, sia in squadra ma anche a livello individuale.

Da tutto ciò parte la nuova sfida nella gestione delle persone. Servono individui che diano il massimo in ogni situazione possibile, senza cercare giustificazioni. Competenza e qualità umane fanno il mix perfetto.
Non c’è la ricetta giusta per eccellere, perché ogni persona è differente. La ricetta sta non nel trovare una ricetta preconfezionata. Non ho la certezza che quello che scelgo è vincente, però agendo in maniera precisa cerco di limitare il rischio”.

Tra i tanti ospiti, Marcello Poli: leader nella distribuzione alimentare del Trentino Alto Adige e sponsor del Trentino Volley

“Operiamo principalmente nel territorio dell’Alto Adige e del Garda, per avere tanta presa sulla popolazione. Durante il covid abbiamo sofferto, chiudendo il canale di vendita e perdendo potenza economica per la mancanza di turismo e per le ristrettezze dei protocolli.

Abbiamo cavalcato nuove idee, evitando di far ammalare i nostri collaboratori ed oggi ne usciamo abbastanza forti, con tante certezze. Dobbiamo perseguire l’eccellenza come pre-covid, ma interpretando le necessità del cliente.

La partnership con Trentino Volley nasce per aumentare la nostra popolarità, restituire al territorio parte dei nostri ingressi e creare engagement con i clienti. In più possiamo vantare una storia ventennale, con un pubblico molto sportivo e tanta gloria. Atleti “umani”, un settore giovanile molto florido e tanta voglia di fare sport”.

A corollario le due leggende biancorosse: Zlatanov e Fei

“Passare da giocatore a dirigente non è stato tanto complicato – inizia “Zlati” – perché avevo le idee ben chiare. Sul campo ho imparato tutto: dal lavorare in team al rispetto delle regole, fino alla programmazione per il raggiungimento di un obiettivo.

Poi ho avuto la fortuna di incontrare la famiglia Curti, e due anni fa siamo partiti con questo progetto”.

A seguito Fox

“Voglio trasferire quello che ho imparato in campo, in azienda. Ho imparato a fare gioco di squadra e penso sia determinante per centrare determinati obiettivi. Entro in un gruppo rodato per cui mi servirà adattamento e voglia di mettermi in gioco”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank