Baseball, Serie B – Finisce in Gara4 la corsa del Piacenza nei playoff

piacenza baseball

Si riparte dall’1-1 del De Benedetti e da subito si capisce che Fabio Riccò, sul monte di casa, intende fare sul serio. Da riscattare c’è l’incerta prestazione di sette giorni prima che Piacenza aveva sfruttato nel migliore dei modi. L’ex-biancorosso sfodera un’ottima prova, anche aiutato dai compagni che portano il parziale sull’1-0 al primo attacco. E meno male che Piacenza limita i danni per il difficoltoso approccio al match di Cufrè. Sette uomini affrontati, due valide, due basi, un lancio pazzo ma tutto si chiude col male minore rappresentato come detto da un punto solo.

blank

L’italo-argentino si ritrova già dal secondo inning e riuscirà a completare la partita subendo altri due punti al 3° e 4° inning che potevano essere anche recuperati se l’attacco piacentino avesse risposto alla chiamata nei momenti decisivi della partita. Ma Riccò non permetteva tutto questo consentendo al line-up di Marenghi la miseria di tre singoli (due di Minoia e l’altro di Schiavoni), due dei quali concentrati al quarto inning quando il Piacenza, sul 2-0, dava la sensazione di poter riaprire il match segnando l’unico suo punto. Ma Reggio rispondeva subito ristabilendo le distanze ( 3-1) e da lì alla fine Piacenza era costretto ad accontentarsi di timidi arrivi in prima sui quali non riusciva a costruire di più. Unico momento palpitante giusto all’ultimo inning quando, con due out, Riccò dava la base a Calderon e subito dopo veniva colpito da un singolo al centro di Minoia. Potenziale pareggio in diamante ma tutto sfumava sulla sfortunata volata in foul di Gibson. 

Tabellino

PIACENZA     0-0-0-1-0-0-0-0-0      1

REGGIO        1-0-1-1-0-0-0-0-X      3

blank

Gara 4

Il rammarico cresceva anche dopo la sconfitta serale, quella che decretava l’uscita di Piacenza dai play-off. Si perde col minimo scarto lasciando undici uomini in base. Dall’Agnese subisce l’aggressività dell’attacco di casa che nei primi quattro inning produce sei valide tra cui tre doppi. Ne scaturiscono 5 punti che comunque non scoraggiano i biancorossi. Si risponde con un punto al 2° (singolo di Minoia, rubata  e difesa reggiana che sbaglia due volte), un altro al 6° ( e poteva andare molto meglio perchè Minoia e Schiavoni aprono con due singoli ma purtroppo un doppio gioco stronca la grande occasione di trovarsi con basi cariche senza out). e soprattutto 2 al 7° che riducono il parziale sul 5-4. Reggio se la vede brutta perchè il rilievo Gasparini, su otto battitori visti, concede un singolo (Schiavoni), due basi e due colpiti. Quando a sua volta viene rilevato il match è riaperto e le speranze dei nostri di tornare a Reggio il giorno dopo si fanno plausibili. Ma l’opera non viene completata e ancora l’amarezza è per aver lasciato basi piene sprecando la chance del sorpasso.

I padroni di casa rispondono riportandosi sul 6-4 ma Piacenza è vivo anche perchè Dall’Agnese tiene sul monte e Nodari gli completa il lavoro nel finale. L’ultimo assalto biancorosso è rabbioso. Il Caselli si ammutolisce dopo il doppio di Gibson, il singolo di Perez e la volata di sacrificio di Capra (6-5). Non è finita perchè Molina firma un’altra valida e Gardenghi gode di una base per balls. Per la terza volta nel match il Piacenza si trova a basi piene ma per la terza volta spreca. Stavolta a pesare è la dubbia eliminazione al piatto di Chacon che spedisce Reggio in finale. Tra qualche protesta si finisce per accettare l’amaro epilogo di una serie nel corso della quale la squadra di Marenghi ha lottato ad armi pari contro probabilmente l’avversario più forte della categoria. Una soddisfazione non indifferente alla quale fanno da contraltare le troppe occasioni sciupate, specialmente sul diamante reggiano.  

Tabellino

PIACENZA   0-1-0-0-0-1-2-0-1   5

REGGIO      0-3-0-2-0-0-1-0-X   6

blank

Playout di Serie A al De Benedetti

Sabato scorso il diamante De Benedetti ha ospitato il turno d’andata dei play-out di Serie A tra Ecotherm Brescia e Falcons Torre Pedrera. Il doppio incontro è terminato in parità con la vittoria dei romagnoli in gara1 per 13-0 ed il successo lombardo (5-1) in gara2. Tutto rinviato quindi al prossimo week-end con le ultime sfide, il tutto al meglio delle cinque. 

In gara1 il partente di Brescia Junior Peralta tiene a freno l’attacco romagnolo per tre innings. A partire dal quarto i Falcons rosicchiano un punto ad ogni attacco e dopo 7 riprese complete il tabellone segna 4-0. Il finale poi è tutto nero-arancio. All’8° un doppio ed un triplo portano a casa altri 5 punti (9-0) ed altri 4 arrivano al 9° per il rotondo 13-0 finale. Impietoso il confronto delle valide: 10-1 per i riminesi. Pitcher vincente l’ottimo Nicolò Ioli. 

In gara2 Brescia si rifà sorretto dallo straordinario Hector Ponce (13k in 7 innings). La squadra allenata dall’ex-biancorosso Danny Gorrin (nell’altro dug-out era presente nello staff l’altra vecchia conoscenza del Piacenza Willy Lucena) rompe il ghiaccio al 2° (1-0) e man man mano amplia il vantaggio in tutta sicurezza. Quando Torre Pedrera all’8° marca il punto della bandiera è troppo tardi. Vince così Brescia che pareggia la serie e rinvia tutto alle partite di ritorno che si giocheranno a Pesaro a partire da sabato. La prima che arriva alla terza vittoria avrà garantita la permanenza nella massima serie, chi perde retrocede in B.  

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank