Affiancare chi non è autonomo nella gestione dei conti e nella burocrazia, arriva l’amministratore di sostegno: Silvia Balordi ospite a “Volontariato in Onda” – AUDIO

Amministrazione di Sostegno: al via un nuovo supporto. Ne abbiamo parlato a Volontariato in Onda, la rubrica quindicinale in onda su Radio Sound è realizzata in collaborazione con Csv Emilia – Centro Servizi per il Volontariato di Piacenza. A illustrare il progetto è stata Silvia Balordi referente di CSV Emilia della figura dell’amministratore di Sostegno.

blank

L’amministratore di sostegno è una figura prevista dal codice civile che si occupa di affiancare una persona con scarsa o nulla autonomia nelle funzioni che non è più in grado di svolgere da sola. Potrebbe essere una persona con disabilità, un anziano un malato psichiatrico, una persona che ha dipendenza dal gioco, dalle sostanze e che può avere una situazione di autosufficienza sia temporanea o anche permanente. L’amministratore di sostegno è una figura scelta da giudice tutelare e può essere un famigliare, una persona di fiducia che l’affianca in quelle funzioni che la persona non è più in grado di svolgere”, spiega Balordi.

CSV EMILIA, infatti, ha sottoscritto un protocollo di collaborazione con il Tribunale di Piacenza per supportare la Cancelleria di Volontaria Giurisdizione in materia di Amministrazione di Sostegno.

In particolare alcuni volontari di CSV EMILIA, appositamente formati in esito a un apposito corso organizzato dalla Camera Civile degli Avvocati di Piacenza insieme con CSV Emilia, daranno supporto ai cittadini che avranno bisogno di aiuto per le incombenze e le pratiche burocratiche che riguardano l’amministrazione di sostegno.

blank

Il servizio prenderà avvio da mercoledì 9 novembre 2022 in due modi:

  • al mercoledì pomeriggio dalle 15 alle 18 i volontari saranno a disposizione dei cittadini presso la sede di CSV EMILIA in via Primo Maggio 62 a Piacenza.  È necessario prendere appuntamento
  • telefonando dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 al numero 0523306120 o scrivendo a amministrazionesostegno@csvemilia.it
  • al venerdì mattina dalla 9 alle 12 i volontari saranno presenti presso la cancelleria di volontaria giurisdizione in Tribunale a Piacenza, via Del Consiglio 12.

Il servizio è partito da novembre, in cosa consiste principalmente:

Il servizio consiste in una attività di sportello che viene erogato il mercoledì pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00 presso la sede del centro di servizi in Via I Maggio, 62 e al venerdì mattina dalle 9.00 alle 12.00 presso la cancelleria di volontaria giurisdizione del tribunale di Piacenza. Ci sono dei volontari formati che sono a supporto dei cittadini che hanno bisogno di indicazioni o per la compilazione di pratiche burocratiche relative agli amministratori di sostegno”, continua Balordi.

Si tratta di un servizio molto importante per i cittadini con un obiettivo importante dunque: 

blank

Certo, essere amministratori di sostegno è un impegno e ha importanti adempimenti anche burocratici, settore nel quale spesso il cittadino è disorientato. Il volontario ha la funzione di aiutarlo e supportarlo: allo stesso tempo la scelta di erogare questo servizio di sportello presso la cancelleria del tribunale ha anche l’obiettivo di alleggerire la cancelleria stessa ed essere anzi di supporto alla cancelleria in questo servizio”.

Il servizio è partito recentemente, che tipo di richieste vengono fatte ?

Il servizio è partito la settimana scorsa e in questo momento riceviamo principalmente richieste di orientamento: la nostra speranza è di essere utili a chi ha bisogno, soprattutto per questioni come il bilancio, il rendiconto annuale che gli amministratori di sostegno devono fare”.

Diamo le coordinate ai nostri ascoltatori per richiedere informazioni su questo tema: 

I cittadini interessati possono telefonare al numero 0523.306120 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 per fissare eventualmente un appuntamento che verrà erogato il mercoledì pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00”, conclude Balordi.

CHI E’ L’AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

L’Amministratore di Sostegno è la figura, prevista dal Codice Civile, che si occupa di affiancare una persona con scarsa o nulla autonomia e sostituirla nelle funzioni che non è in grado di svolgere da sola: una presenza importante in momenti delicati dal punto di vista umano, sanitario ed economico.

Possono usufruire dell’Amministratore di Sostegno gli anziani, le persone con disabilità, i malati psichiatrici, i malati gravi o terminali, i tossicodipendenti, gli alcolisti e i ludopatici, le persone in situazione di non autosufficienza temporanea o permanente.  L’Amministratore di Sostegno può essere un familiare, una persona indicata dal beneficiario o dai suoi familiari, una figura scelta dal Giudice Tutelare, un’Associazione, una Fondazione, un Ente Pubblico. Sono esclusi i servizi sociali che hanno in cura o in carico il beneficiario.

I compiti dell’Amministratore di Sostegno possono essere molteplici: gestione della casa e delle attività quotidiane;  selezione e gestione dei collaboratori familiari come colf, badanti, infermieri; Interazione con i servizi assistenziali e socio sanitari;  consenso o diniego a trattamenti sanitari; riscossione di pensione, sussidi, indennità; apertura e gestione di conti correnti bancari e postali; gestione dei risparmi;  pagamento di bollette, tasse, canoni di affitto, spese condominiali, rette di degenza, polizze assicurative; stipula di contratti; acquisto e vendita di titoli; accettazione o rinuncia eredità.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank