Forzano il posto di blocco e tentano la fuga, inseguiti e bloccati: due arresti

blank

Forzano un posto di blocco e tentano la fuga a bordo di un furgone rubato. I carabinieri della Compagnia di Cremona hanno arrestato un 50enne residente a Fiorenzuola d’Arda e un 40enne, residente a Mortara (Cremona). Devono rispondere dei reati di furto aggravato, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale.

blank

L’operazione è iniziata a maggio dopo che i carabinieri avevano trovato alcuni furgoni e autocarri sottratti da alcuni cantieri della provincia di Piacenza. I mezzi erano regolarmente parcheggiati con targhe contraffatte o rubate. L’inchiesta si è conclusa ieri pomeriggio, al termine di un inseguimento che ha avuto inizio a Cremona in via Eridano e terminato a Pralboino (Brescia).

La fuga e l’arresto

I militari hanno intercettato i malviventi rispettivamente alla guida di un autocarro rubato il 3 giugno a Piacenza e di un’autovettura Ford Fiesta, in qualità di “staffetta”, mentre percorrevano la tangenziale di Cremona.

Giunti a Robecco d’Oglio, sorpresi dalla presenza di due pattuglie dei carabinieri, impegnate in un posto di controllo, i due non si sono fermati all’alt. Anzi, hanno proseguito la marcia a forte velocità.

L’autista dell’autocarro, tallonato dai militari, ha abbandonato il mezzo in corsa, lungo la Provinciale, all’altezza del comune di Pralboino e ha terminato la marcia contro un guard-rail, per poi fuggire nella campagna circostante. I carabinieri però lo hanno bloccato successivamente nei pressi di un canale attiguo all’argine del fiume Mella; stava tentando di salire a bordo di un’auto Lancia Ypsilon, condotta da un complice sopraggiunto per tentare di recuperarlo e farlo così sfuggire alla cattura.

Nel contempo i carabinieri hanno rintracciato l’altro uomo, dopo aver abbandonato la Ford Fiesta nel parcheggio di un bar di Milzano; lo hanno bloccato mentre, a piedi, cercava di nascondersi nei pressi della pista ciclabile di Pralboino e, nella circostanza, ha opposto resistenza spintonando e scalciando i militari. Sull’autocarro, successivamente restituito al proprietario, i malviventi avevano applicato targhe, anteriore e posteriore risultate provento di furto commesso a Piacenza.

Il conducente dell’autovettura Lancia Ypsilon, un 21 enne residente a Fiorenzuola d’Arda, pluripregiudicato, veniva deferito in stato di libertà per il reato di favoreggiamento personale.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank