Frana in Valnure, sopralluogo di Murelli (Lega): “A rischio la sicurezza di cittadini e imprese”

«La frana mette a rischio la sicurezza dei cittadini; impedisce loro di muoversi, isolandoli; e ha gravi ripercussioni sul tessuto economico, limitando il lavoro di una decine di imprese e dell’indotto che genera nella valle».

Lo ha detto, oggi, la deputata della Lega, Elena Murelli, durante il sopralluogo alla frana lungo la strada fra Folli e Casalcò, nel territorio di Ferriere. Con Murelli – che alcuni giorni fa ha chiesto al Governo lo stato di calamità – erano presenti anche l’assessore all’Ambiente di Ferriere, Carlotta Oppizzi e il consigliere di minoranza Mattia Bergonzi, oltre ad alcuni imprenditori della zona.

«Secondo un professionista del settore movimento terra – ha affermato Murelli – in poco tempo si potrebbe creare un passaggio. In un paio di giorni la strada potrebbe essere liberata dai tronchi e dal fango. Poi, sarebbe importante riuscire ad aprire un collegamento temporaneo da e per Ferriere. I cittadini, ma penso anche a un eventuale soccorso sanitario, sono costretti, per aggirare la frana, a compiere molti chilometri in più su una strada impervia per salire o scendere dalla valle. Inoltre, la viabilità potrebbe peggiorare con le prime gelate o con la neve. Almeno una decina di aziende rischiano di fermarsi e in estate potrebbe risentirne anche il turismo, perché rimarrebbero isolate imprese della ristorazione e del commercio. Comunque, attendo dati scientifici certi, quelli che emergeranno dai sensori che saranno piazzati dall’Università di Modena e dai rilievi che effettuerà il Genio civile. Mi auguro che i tempi siano brevi perché è urgente dare risposte a chi ancora popola la montagna».