Giornata della Memoria della Polizia Locale: “Stessi diritti e tutele delle altre forze dell’ordine”

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Questa mattina il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), unitamente alle autorità civili e militari e ai Colleghi di tutta Italia ha celebrato a Barletta la Giornata della Memoria della Polizia Locale Italiana istituita da questo Sindacato di Categoria nel 2006 con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica,  per commemorare i Colleghi caduti nell’adempimento del Dovere, per Amore della Patria e di questa Divisa che orgogliosamente indossiamo. Divisa che non è seconda a nessuno in quanto a sacrificio, dignità, abnegazione  e professionalità.

Anche i Colleghi di Piacenza hanno reso onore ai caduti con una propria delegazione.

La memoria e l’appello

Oggi ricorre l’80° anniversario dell’eccidio di Barletta del 12 settembre 1943 quando verso le 9.30 del mattino 11 Colleghi e due netturbini furono fucilati dalle truppe naziste in ritirata. L’istantanea scattata da un fotoreporter tedesco ha immortalato per sempre quei tragici momenti, ben rappresentando lo sbigottimento dei Colleghi, quelle mani alzate, poi quel mucchio di corpi squarciati e riversi sul marciapiede.. Quei fori a perenne memoria ci ricorderanno per sempre quel tragico evento.

Abbiamo ricordato uno ad uno i Colleghi scomparsi per non farli cadere nell’oblio e per dire a gran voce che la Polizia Locale c’è e deve essere equiparata nei Diritti e nelle tutele alle Forze di Polizia ad ordinamento statale.

Da Barletta abbiamo lanciato un monito al Governo affinché dia velocemente il via all’iter per la Legge delega, al fine di procedere a passo spedito verso la Riforma e all’inserimento al suo interno del 12 settembre come Giornata della Memoria della Polizia Locale Italiana. L’unico modo per donare l’immortalità ai nostri Colleghi è proprio il ricordo.

Richiamare alla memoria chi ci ha preceduto è sicuramente un valore collettivo che contribuisce a creare l’identità sia personale che di un’intera Categoria di Lavoratori.

La memoria non è solo lo spazio dei ricordi ma anche quello dei sentimenti, tanto che gli antichi ritenevano che avesse sede nel cuore.

“Testimoni della storia di ogni singolo Collega”

Oggi siamo stati testimoni della storia di ogni singolo Collega. Siamo noi i custodi di quelle storie e nostro dovere è tramandarle nel tempo per far sì che il loro sacrificio non sia stato vano e per sensibilizzare le giovani generazioni di Colleghi, per destare in loro il senso di appartenenza alla Categoria: la memoria non deve mai essere assuefazione. Ci piace immaginare la memoria come una fiaccola che passando di testimone in testimone non deve mai spegnersi. Pensiamo al ricordo come qualcosa di attivo: quei Colleghi sono tra noi; di loro ci rimangono l’esempio,  i valori, gli ideali, il sacrificio. Ed è quindi come se loro fossero ancora tra noi, come se ci potessimo parlare e avessimo la possibilità di confrontarci con loro, tutto questo grazie alla legge dell’incantesimo del ricordo.

Nel lungo elenco di Colleghi caduti nell’adempimemto del dovere, le principali cause di morte sono state: conflitti a fuoco, malori, tragici infortuni,  investimenti, incidenti stradali, malattie contratte in servizio, vittime di mafia e criminalità organizzata. Nulla è stato risparmiato alla nostra Categoria; una Categoria di Lavoratori che merita e attende da troppo tempo i giusti riconoscimenti dal parte delle Istituzioni. Ed è per questo che abbiamo sensibilizzato le Regioni a partecipare ognuna con la propria bandiera a questa giornata: l’ Emilia-Romagna c’era.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank