Il Piacenza riparte da Scazzola, domenica i biancorossi sfidano la Juve U23

Cesarini, capitano del Piacenza Calcio

C’è grande attesa per il nuovo debutto di Cristiano Scazzola sulla panchina del Piacenza Calcio anche in campionato dopo la bella prova di Coppa. Le grandi difficoltà dei biancorossi hanno costretto la dirigenza ad una riflessione che ha portato all’esonero dell’ormai ex tecnico Manuel Scalise. Come sappiamo il “terremoto” non ha riguardato solo la panchina: con il passo indietro di Marco Scianò, ora solo Direttore Generale, ritorna come Direttore Sportivo Luca Matteassi, un dirigente molto amato dalla piazza, sia per le sue capacità in questo ruolo che ricopre ormai da diversi anni e che aveva ricoperto a Piacenza durante l’era Gatti, sia per il suo passato da capitano con la maglia biancorossa. (LEGGI QUI)

In realtà l’era Scazzola 2.0 è già iniziata. Mercoledì in Coppa si è visto finalmente un buon Piacenza, capace di battere per 2-0 la Pro Vercelli. In campo diverse variazioni rispetto al passato: ha debuttato Persia a centrocampo in tandem con Palazzolo e probabilmente lo rivedremo dal 1’ già domenica ed in porta si è visto Rinaldi che ha disputato una buona gara (leggi qui).

Ora però il tecnico ha in mente un solo obiettivo, quello di cambiare e in fretta l’inerzia della squadra in campionato e risalire da quell’ultimo posto in classifica che ogni domenica che passa diventa più pericoloso, anche considerate le sconfitte con Arizignano e Sangiuliano che ci mettono in difetto negli scontri diretti.

Ascolta Juventus U23 – Piacenza su RADIO SOUND

Non c’è incognita più grande della Juve U23. Una squadra che cambia parecchio ogni settimana, ma che in questo campionato non ha ancora ingranato. Sotto la guida dell’ex centrocampista Massimiliano Brambilla i bianconeri hanno raccolto 5 punti con 7 reti segnate e 7 subite con un 4-2-3-1 che evidentemente concede anche spazio agli avversari. Ma non dimentichiamo che questa squadra a differenza di tutte le altre può vantare un tipo di esperienza diverso, dato che in alcuni casi i calciatori vengono chiamati dalla prima squadra in serie A.

Il primo nemico del Piacenza è ancora una volta prima di tutto il Piacenza stesso. Scazzola deve rimettere ordine ad una fase difensiva che troppo spesso è stata infilata contro troppa facilità, ma soprattutto iniziare a lavorare, come sta facendo, sulla fase mentale: a detta dello stesso Ds Matteassi i due hanno trovato un gruppo impaurito. La squadra deve necessariamente ritrovare fiducia nei propri mezzi, a partire da un’organizzazione lineare, che in parte si è già vista in Coppa (la prima gara ufficiale in cui il Piacenza non subisce gol)

La settima giornata di campionato, domenica ore 14:30

Albinoleffe – Novara
FeralpiSalò – Pro Vercelli
Vicenza – Pro Patria
Lecco – Sangiuliano
Pergolettese – Padova
Pordenone – Arzignano
Pro Sesto – Triestina
Trento – Renate
Virtus Verona – Mantova

Classifica

Novara 14; Padova e FeralpiSalò 13; Sangiuliano 12; Pro Patria e Pordenone 11; Arzignano 10; Renate 9; Lecco e Pergolettese 8; Vicenza e Triestina 7; Juventus (u23), Trento, Pro Sesto, Pro Vercelli 5 ; Albinoleffe e Mantova 4; Piacenza 2

Le prossime partite del Piacenza

Pro Vercelli – Piacenza domenica 16 ottobre, ore 17:30
Piacenza – Renate mercoledì 19 ottobre , ore 18:00
Trento – Piacenza, domenica 23 ottobre, ore 14:30
Piacenza – Padova lunedì 31 ottobre, ore 20:30

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank