Assigeco Piacenza: c’è la corazzata Reale Mutua Torino all’orizzonte

Reale Mutua Torino Assigeco Piacenza

L‘Assigeco Piacenza di coach Stefano Salieri sarà impegnata contro la Reale Mutua Torino nella terza giornata si Serie A2 Old Wild West.

blank

Il finale amaro contro Trapani ha riportato a galla gli spettri già palesatisi nei minuti finali della trasferta di Treviglio, ecco perché l’Assigeco Piacenza dopo una brutta sconfitta vuole dimenticare tutto in fretta con una prestazione in grado di archiviare definitivamente la delusione per due punti gettati al vento.

L’avversario

L’avversario per ripartire però non è di certo dei migliori, dato che la Reale Mutua Torino è una delle candidate principali alla promozione in LBA. Il roster è costruito appositamente per arrivare fino in fondo ai Playoff. La squadra di coach Cavina ha occupato per lungo tempo la prima posizione del vecchio girone Ovest e dopo il rimescolamento di questa stagione si troverà quindi per la prima volta sulla strada dei biancorossoblu.

I piemontesi per prima cosa hanno riconfermato il capitano Mirza Alibegovic, micidiale tiratore con un passato in A e l’ala Kruize Pinkins, reduce da una prima stagione molto convincente in Italia. Insieme a loro sotto canestro troviamo il giovane ma già dominante centro Ousmane Diop, pupillo del Presidente Sardara, l’ex Urania Milano Giordano Pagani e il veterano Luca Campani. Per quanto riguarda gli esterni invece, oltre al già citato Alibegovic ci sono Lorenzo Penna, autentico legionario di Cavina che ha già allenato ad Imola ed Udine e l’esperto Franko Bushati, da quindici anni ormai in giro per i campi di A e di A2 con risultati ottimi. Il vero colpo di mercato però è rappresentato senza dubbio dalla guardia Jason Clark. Lo scorso anno a Varese, nella partita inaugurale contro Biella ha scritto 28 regalando il successo esterno ai suoi per 76-60.

Piacenza dovrà essere brava e tenace a resistere alla grande prestanza fisica dei lunghi, cosa che è parzialmente mancata contro Renzi e Nwuoucha nella gara contro Trapani. Dovrà anche limitare i grandi giocatori di uno contro uno dei torinesi, che hanno davvero pochi, pochissimi punti deboli. La chiave per la squadra di Salieri sarà quella di battere forte il chiodo sulla transizione e anticipare con aggressività ogni linea di passaggio, soluzione che i ragazzi hanno applicato con successo per almeno tre quarti nella sfida contro la 2B Control.

Le parole di Salieri

Torino è una delle squadre più importanti e profonde del nostro campionato.  Noi dovremo andare là per fare la nostra partita con il giusto entusiasmo”. Così coach Stefano Salieri presenta la trasferta dell’Assigeco Piacenza a Torino.

Il tecnico dell’Assigeco entra poi nello specifico della partita. “Sappiamo che i nostri avversari ad una stazza fisica di primo livello e ad un roster che l’anno scorso ha dominato la stagione hanno aggiunto un giocatore come Clark che proviene dalla serie A. E’ chiaro che siamo un gruppo giovane, ma dobbiamo crescere in fretta nel nostro processo di consolidamento, che passa anche attraverso queste partite. Per altro quella con Torino è la prima di un trittico che ci vedrà affrontare tre delle migliori di tutto il torneo. Dobbiamo presentarci in campo con la giusta determinazione e l’atteggiamento di chi deve utilizzare queste gare per crescere ed arrivare a portare a casa il risultato”.

Sul match di domenica si sofferma anche Luca Cesana. “Torino è una squadra molto competitiva e ne siamo consapevoli – afferma – e questa partita ci aiuterà a capire quale può essere il nostro reale valore. Sicuramente abbiamo voglia di riscattarci dopo l’ultima partita interna contro Trapani che ci ha visto sconfitti negli ultimi minuti. Di sicuro in campo si vedrà un’Assigeco Piacenza che lotterà su tutti i palloni”.

Ecco l’intervista di Stefano Salieri a Radio Sound alla vigilia di Torino – Assigeco Piacenza:

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank