Valtidone Wine Fest: Fisar e Ais premiano il miglior ortrugo a Borgonovo

Con l’organizzazione di Coldiretti Piacenza e l’intervento di una giuria tecnica composta dai sommelier professionisti di FISAR e AIS, Borgonovo ospiterà la prima edizione del Premio Miglior Ortrugo, nell’ambito della tappa che il Valtidone Wine Fest dedica all’unico vino e vitigno autoctono del territorio piacentino, in programma domenica a Borgonovo.

blank

Usata prima come uva da taglio, l’ortrugo solo dagli anni ’70, grazie all’intuizione e preziosa opera di alcuni produttori locali, comincia ad essere vinificato in purezza. Il vino ottenuto si presenta con un colore giallo paglierino, con un sapore secco o abboccato con un retrogusto amarognolo. Prodotto principalmente nelle tipologie frizzante e spumante, ha avuto grande successo, ultimamente, anche nella versione ferma. Saranno tutte e tre le tipologie ad essere sottoposte al vaglio della giuria tecnica di qualità che decreterà i migliori prodotti per ciascuna. I premi saranno assegnati domenica mattina, 4 settembre, in coda alla cerimonia di inaugurazione del Valtidone Wine Fest, indicativamente alle 10.30 in via Roma a Borgonovo.

“Per Coldiretti Piacenza – afferma il direttore Roberto Gallizioli – vivere questa manifestazione è un grande piacere, ringraziamo i sommelier e il Comune per la preziosa collaborazione. Il riconoscimento vuole accendere i riflettori su una produzione di grande qualità come il nostro ortrugo. Stiamo attraversando un momento delicato. I nostri viticoltori, impegnati nella vendemmia, lamentano forti difficoltà: alle problematiche legate al clima, si sommano infatti la carenza di manodopera e i costi di produzione che registrano un’impennata senza precedenti. Ritrovarsi sarà sicuramente anche l’occasione per riflettere sull’importanza di valorizzare la viticoltura piacentina attraverso misure concrete ed efficaci”.

Intanto la più grande rassegna del vino piacentino ha preso il via giovedì sera con una notte di colori, sapori ed emozioni nel borgo di Corano. Dopo la prima delle visite organizzate per questo appuntamento del Valtidone Wine Fest da Atlante Guide, che ha permesso a un nutrito gruppo di partecipanti di andare alla scoperta del piccolo gioiello della Val Tidone, le strade di Corano si sono animate con le deliziose leccornie culinarie preparate dalle sapienti mani di Danila Ratti e dello staff del Ristorante Le Proposte, organizzatrice della serata con la collaborazione di Mani in Pasta, in abbinamento ai vini della Cantina Valtidone, sostenitrice dell’evento.

blank

Tantissimi i partecipanti, provenienti anche da fuori provincia, che hanno degustato i piatti della tradizione, come la picula ad caval o la sbrislona con zabaione e alcune proposte più originali come il Coran Burger. Non sono mancate le emozioni in musica, con l’apprezzata esibizione degli Steams, che hanno ripercorso la storia della musica rock anni ’70, ‘80’ e ’90.

A portare i saluti dell’Amministrazione comunale di Borgonovo, l’assessore Serena Carella che, nel ringraziare chi ha permesso “la brillante riuscita della serata nel magico borgo di Corano”, ha dato appuntamento a domenica, “quando il Valtidone Wine Fest entrerà nel vivo presentando la grande novità di una nuova location lungo via Roma, dove saranno posizionati gli stand delle oltre 20 cantine e aziende vitivinicole del territorio”.

“Sono davvero felice di aver potuto, insieme all’aiuto di tanti, dalla mia famiglia agli abitanti di Corano, alle associazioni ai ragazzi di Mani in Pasta e alla Cantina Valtidone, di aver potuto riproporre, dopo lo stop dovuto alla pandemia, questo evento – ha commentato soddisfatta Danila Ratti a conclusione della serata –. Una rivista americana ha poco tempo fa sottolineato le bellezze della Val Tidone e noi che la abitiamo dobbiamo esserne orgogliosi e ancora più determinati a valorizzarle, lavorando insieme come penso abbiamo fatto questa sera”.

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank