Agenzia delle dogane, l’allarme dei sindacati: “Gravi carenze d’organico, addetti in difficoltà”

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Lavoratori e sindacati si sono attivati per segnalare non solo il grande lavoro svolto ma anche le gravi difficoltà vissute dalla sede di Piacenza dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

“L’introito complessivo della sede doganale di Piacenza ammonta a quasi 1 miliardo di euro, a cui vanno sommati anche 17 milioni di euro derivanti dai rimborsi effettuati a circa 2000 richiedenti che svolgono attività socialmente utili, di assistenza, pronto soccorso e trasporto urbano”.

“Questo dato va evidentemente rapportato alla crescita smisurata che ha avuto e continuerà ad avere il mercato della logistica nel territorio piacentino. Un grande lavoro è stato e viene svolto infatti per controllare le merci di importazione ed esportazione: attività che garantiscono il rispetto della Legge e che in più permettono da un lato agli operatori di quel settore di lavorare celermente e con meno rischi e dall’altro ai consumatori di ricevere merci conformi alle normative di sicurezza (si pensi ad esempio ai giocattoli destinati ai bambini o ai presidi sanitari)”.

“Grandi difficoltà in cui operano gli addetti dell’Ufficio delle Dogane”

Il sindacato sottolinea le “grandi difficoltà in cui operano gli addetti dell’Ufficio delle Dogane”: “Nell’ultimo quinquennio il loro numero si è ridotto drasticamente ed oggi conta appena 29 unità, che presto si ridurranno ulteriormente per effetto dei pensionamenti, nonostante la sede piacentina costituisca un polo nevralgico per tutto il centro nord Italia”.

La crescita di tutte le attività avrebbe dovuto prevedere piuttosto un sensibile incremento di personale e se non si interverrà in fretta è inevitabile che la Dogana di Piacenza non potrà garantire gli standard fino ad ora erogati, con il conseguente rallentamento delle pratiche di controllo e di rilascio di autorizzazioni, con riflessi che riguardano, come si è detto, il presidio della legalità e, ovviamente, la tutela di cittadini e consumatori.

“Gravi carenze d’organico”

A fronte delle sollecitazioni trasmesse i sindacati unitariamente hanno incontrato in due occasioni nei giorni scorsi i vertici interregionali dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, raccogliendo attenzione e una presa di coscienza delle gravi carenze di organico. Sono state proposte alcune prime azioni per convogliare nuove risorse verso gli uffici piacentini attingendo dal sistema doganale e dai bandi di mobilità già pubblicati. Si tratta di un primo positivo segnale di ascolto, per quanto non pienamente rispondente alle attese di uffici in forte sofferenza come i nostri e che tuttavia dovrà essere misurato sulla scorta dei risultati nel fare fronte ad una situazione di emergenza.

L’interlocuzione con i livelli regionali e nazionali dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è ancora aperta, si tratta di una iniziativa che dovrà vedere il sindacato attivo e capace di rispondere alle esigenze dei lavoratori e del territorio piacentino nel suo complesso.

Per questa ragione lavoratori e sindacati sottolineano anche l’urgenza di coinvolgere e valorizzare la sede di Piacenza dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli all’interno del tavolo territoriale sulla logistica, che ha portato alla stesura del protocollo per la qualità del lavoro e rapporti industriali, e che svolge una importante funzione di confronto e garanzia, fondamentale per la legalità e il governo di un settore tanto impattante per il territorio piacentino.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank