Carabinieri arrestati, i sanguinosi pestaggi: “Prendetegli lo scottex così si pulisce” – LE INTERCETTAZIONI

Oltre 75 mila le conversazioni telefoniche, ambientali nonché i flussi di comunicazioni telematiche captati ed analizzati dutante i sei mesi di indagini. Sono alcuni degli strumenti che hanno permesso alla guardia di finanza e alla Procura di arrestare i carabinieri infedeli.

blank

Da alcune intercettazioni emerge quella che era l’organizzazione del gruppo costruito secondo una struttura piramidale.

“Minchia adesso ti devo racconta quello che ho combinato… ho fatto
un’associazione a delinquere ragazzi! Che se va bene, ti butto
dentro, nel senso a livello di guadagno”.

“In poche parole abbiamo fatto una piramide: sopra ci stiamo io, tu e lui… ok? Siamo irraggiungibili, ok? A noi non ci deve cagare nessuno.

Lui siccome è stato nella merda, e a Piacenza comunque conosce tutti gli spacciatori, abbiamo trovato un’altra persona che sta sotto di noi. Questa persona qua va tutti da questi gli spacciatori”.

blank

Altre testimoniano il traffico di stupefacenti e il modus operandi.

“A noi l’importante è l’erba, io l’erba non posso fare a meno. In
settimana così faccio il viaggio (ndr trasporto di stupefacente). Mi faccio un unico perché COSÌ SE RIESCO VENGO A PRENDERE SIA L’ERBA CHE LA COCA. VENGO A PRENDERE TUTTI E DUE”.

blank

Da altre ancora emergono i momenti della cessione: “IO GIÀ…STASERA LE DAVO PURE (ndr panette di stupefacente), UNA GIA’ L’HO VENDUTA E GIA’ C’HO PURE I SOLDI”.

blank

Altre raccontano invece gli episodi di violenza e brutalità nei confronti di pusher “rivali” arrestati e picchiati. Come in questo caso, dove la vittima dell’aggressione era ammanettata durante le percosse.

“Prendetegli lo scottex così si pulisce. Togliamoci le manette”

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank