Consolidamento strutturale di Bastione Borghetto, Torrione Fodesta e Caserma Dal Verme: dal Demanio tre milioni di euro

Piacenza 24 WhatsApp

Progetti di fondamentale importanza per il consolidamento strutturale di Bastione Borghetto, Torrione Fodesta e Caserma Dal Verme verranno realizzati per un totale di oltre tre milioni di euro totalmente a carico dell’Agenzia del Demanio, ovvero l’ente proprietario degli immobili stessi che oggi versano in stato di abbandono. La Giunta comunale, con apposite delibere, intende approvare lo schema di convenzione con la struttura per la Progettazione dell’Agenzia del Demanio “ai fini dello svolgimento dei servizi di ingegneria e architettura prodromici alla realizzazione degli interventi di valorizzazione” dei tre compendi immobiliari. 

La nota della giunta comunale

E’ un primo risultato concreto del cosiddetto “Piano Città degli immobili pubblici” firmato per Piacenza lo scorso aprile dalla sindaca Katia Tarasconi e dalla direttrice del Demanio Alessandra Dal Verme che da Roma era arrivata proprio nella nostra città per visitare alcuni dei principali immobili in disuso che fanno parte del patrimonio demaniale.

«Spesso quando si parla di accordi tra enti e istituzioni si tende a pensare che si tratti di formalità astratte – commenta la sindaca Tarasconi – In realtà, come dimostrano i progetti che verranno realizzati dal Demanio in ottica di riuso e valorizzazione futura di immobili di tale rilevanza, alla firma del Piano Città sono seguiti un gran lavoro operativo e una collaborazione fattiva che hanno portato a un risultato concreto e decisamente importante per il futuro di Piacenza. Una collaborazione particolarmente efficace di cui mi sento di ringraziare personalmente l’Agenzia del Demanio e la direttrice Dal Verme». 

«Si è trattato di un accordo cruciale firmato di persona dalla sindaca e dalla direttrice Dal Verme – aggiunge l’assessora all’Urbanistica Adriana Fantini – La firma del Piano Città ha dato il via a un nuovo approccio gestionale che fa lavorare insieme l’Amministrazione comunale e il Demanio. L’impegno dell’Agenzia di farsi carico dei progetti strutturali è un indispensabile volano per rendere appetibili i futuri riusi di questi straordinari tesori urbani».

In vista di utilizzi futuri

L’assessora Fantini aggiunge un concetto importante che fa capire meglio la rilevanza di questi progetti: «Precedenti tentativi di valorizzazione da parte di soggetti privati sono naufragati a causa dell’insostenibilità economica del recupero di questi luoghi. Ecco perché qualsiasi futuro utilizzo da parte della nostra comunità non può prescindere dall’aver risolto preventivamente i problemi di carattere strutturale che esistono per ognuno di queste tre architetture e che sono particolarmente onerosi».  

Al fine di dare attuazione al “Piano Città”, dunque, l’Agenzia del Demanio e il Comune di Piacenza avevano ritenuto di sottoscrivere uno specifico Accordo al fine di valutare, programmare e definire le azioni, le modalità operative e le tempistiche di realizzazione degli atti e degli interventi che ciascuna delle amministrazioni, per la parte di propria competenza, si impegnava ad adempiere entro tempi certi, determinando i criteri generali per le successive fasi gestionali ed organizzative.

E proprio nell’ambito di tale Accordo, il Comune aveva chiesto al Demanio l’attivazione della Struttura di progettazione per lo svolgimento dei servizi di ingegneria e architettura prodromici alla realizzazione degli interventi di valorizzazione fino alla redazione del Masterplan, comprese le attività di indagini sui vari immobili e compendi; attività utili per lo sviluppo di una progettualità che tenga conto delle pluralità delle funzioni pubbliche coinvolte. 

Nel dettaglio, i progetti – che saranno a carico dell’Agenzia del Demanio – riguardano Bastione Borghetto (per un totale di 1.337.410 €), Torrione Fodesta (1.078.440 €) ed Ex caserma Jacopo Dal Verme (619.840 €).

I costi coprono le attività progettuali, ovvero attività conoscitive e rilievi, indagini e progetti strutturali (vulnerabilità sismica, fino all’ approvazione e validazione del progetto esecutivo di consolidamento), il tutto finalizzato a stimare in modo preciso gli investimenti necessari per la riqualificazione dei tre compendi di grande pregio.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank