Coronavirus, un contagiato ricoverato all’ospedale di Codogno. Altri due contagiati: la moglie e una terza persona

Coronavirus, un contagiato ricoverato all'ospedale di Codogno

Aggiornamento 11:05 – Coronavirus – Verifiche Ausl anche nel Piacentino

blank

Coronavirus, un contagiato ricoverato all’ospedale di Codogno. Il 38enne, che si trova in terapia intensiva, si è presentato il 20 febbraio al pronto soccorso dell’ospedale con sintomi simili a quelli di una polmonite.

I primi test effettuati a Milano sono risultati positivi al Coronavirus. Ora si attende la contro analisi dell’ospedale Spallanzani di Roma. Intanto gli accessi al Pronto Soccorso, per precauzione, sono attualmente interrotti.

Secondo alcune voci, nelle scorse settimane il 38enne avrebbe cenato con alcuni colleghi tornati dalla Cina. Comunque le persone in contatto con l’uomo sono in fase di individuazione.

Aggiornamento: Coronavirus – La moglie del 38enne è incinta

Come lui sarebbero state contagiate altre due persone: una è la moglie, l’altra una terza persona che si è presentata spontaneamente al pronto soccorso con sintomi di polmonite e che avrebbe avuto dei contatti con il 38enne. “Abbiamo già ricostruito sia i contatti dei medici, degli infermieri, dei familiari più stretti a cui abbiamo già fatto i tamponi. Sono già stati messi tutti in isolamento o chiamati a stare in isolamento al loro domicilio”, ha spiegato l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera a RaiNews. “La macchina quindi si è mossa con rapidità”.

Coronavirus, quarantena volontaria per i bambini che rientrano da zone a rischio

Maggiori dettagli verranno forniti nel corso di una conferenza stampa in programma venerdì 21 febbraio alle ore 12 30 alla Regione Lombardia.

Gallera ha invitato tutti i “cittadini di Castiglione d’Adda e di Codogno, a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali”.

Il collega rientrato dal Cina – il possibile ‘paziente zero’ – è stato accompagnato al Sacco di Milano; si trova in isolamento.

Giuseppe Conte: isolamento per tutti colo che sono venuti a contatto – AUDIO

Secondo quanto ricostruito dai medici che da giovedì lo hanno in cura, è andato a correre e poi al lavoro, ha giocato a pallone e ha preso parte a tre cene negli ultimi 4 giorni il 38enne lodigiano. L’uomo lavora per una multinazionale che ha una sede a Casalpusterlengo. I sanitari stanno inoltre cercando di ricostruire cosa abbia fatto e chi abbia incontrato in questi ultimi giorni la moglie, che da quanto accertato al momento sembrerebbe però aver avuto meno contatti del marito.

Coronavirus, il 38enne al corso della Croce Rossa – GLI SPOSTAMENTI

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank