Il film “La strega di Baratti” atterra nel Piacentino, riprese a Vigoleno e Croara

Piacenza 24 WhatsApp

Sono ambientate nel Medioevo duecentesco le riprese cinematografiche, particolarmente suggestive, del film “La strega di Baratti”. Lavoro ideato e prodotto dall’associazione piacentina Spazio Tesla. Film che l’associazione girerà nel prossimo weekend nella parte medievale del borgo di Vigoleno e nella zona boschiva di Croara Vecchia.

La scelta delle location piacentine è diventata ormai una avveduta consuetudine per il regista Gianpaolo Saccomano; infatti ha già all’ attivo due apprezzati film ambientati nel nostro territorio: Saturnales e Nero Fiorentino.

Il lungometraggio attualmente in lavorazione si basa sulla leggenda della “strega di Baratti”; sceneggiatura e interpretazione a cura di Laura Groppi e Ornella Righi che ci raccontano la storia di due donne, una del medioevo e una dei nostri giorni.

Donne che si sentono in “risonanza”, connesse; come se esistesse un fil rouge che va al di là del tempo e dello spazio. Donne che avranno a che fare con la possibile causa della strana sepoltura di una donna, la “strega” appunto. Una figura vissuta forse nel XIII secolo e così temuta dalla popolazione di Baratti e di Piombino da essere addirittura inchiodata e sepolta con una manciata di chiodi nella bocca. Il tutto a pochi metri da quell’altra donna misteriosa che viene chiamata la “donna dei dadi”.

Casa di Cura

Le riprese del film, che ha già ottenuto il patrocinio ed il riconoscimento culturale di Piombino e di Vernasca, sono iniziate ad Ognissanti proprio in Etruria e nello splendido Golfo di Baratti e si concluderanno probabilmente la prossima primavera con alcune scene ambientate a Bobbio e nella città di Piacenza. Nel cast sono previsti parecchi attori piacentini e cremonesi, le consulenze di importanti nomi nel campo della medicina quantistica ed il cameo di un famosissimo personaggio del “made in Italy” internazionale, ancora top-secret.

Radio Sound
blank blank