Lultimaprovincia 2021, gli spettacoli dal 24 al 27 agosto

Lultimaprovincia 2021, gli spettacoli dal 24 al 27 agosto

Prosegue il Festival Lultimaprovincia 2021. La 30esima edizione prevede vari spettacoli dal 24 al 27 Agosto.

blank

Programma

24 agosto VIGOLZONE 

Piazza del Castello h.21

Black Blues Brothers (Kenia)

Night train (circo contemporaneo)

Nella sala d’aspetto di una stazione ferroviaria cinque uomini, con indosso trench alla Humphrey Bogart, sono in attesa. Di un treno? Di una persona? Per ingannare il tempo si scatenano in acrobazie incredibili, che sfruttano tutto ciò che li circonda per numeri mozzafiato: i tavoli,  le sedie… anche i passaggi a livello! è uno show acrobatico comico musicale, con una colonna sonora indimenticabile che attinge al periodo d’oro della musica statunitense e propone sequenze acrobatiche inedite e travolgenti.

Sulle travolgenti note della colonna sonora del leggendario film di John Landis, i Black Blues Brothers fanno rivivere ogni sera uno dei più grandi miti pop dei nostri tempi a colpi di piramidi umane, limbo col fuoco, salti acrobatici con la corda e nei cerchi.

La versione open air è pensata appositamente per gli spazi outdoor, con la scenografia e gli oggetti di scena adattabili al luogo della performance: dai palchi alle piazze, dalle strade alle arene circensi, il ritmo dei Black Blues 

Brothers è perfetto per ogni contesto.

Hit memorabili come Twistin’ the night away, Blue Moon, Just a gigolo e brani dei più grandi interpreti Usa quali Elvis Presley, Aretha Franklin, Chubby Checker, Glenn Miller e Keith Emerson accompagnano un repertorio dinamico e divertente fatto di piramidi, salti mortali, esercizi con la corda e molto altro! Scritta e diretta da Alexander Sunny (produttore di spettacoli di successo e curatore di speciali TV sul Cirque du Soleil), la seconda attesissima produzione dei Black Blues Brothers riporta sul palco i cinque artisti africani che hanno già riscosso grandissimo successo in un tour mondiale che li ha portati in Spagna, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Emirati Arabi, Olanda, Austria, Svizzera, Polonia, Belgio, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Lussemburgo, Principato di Monaco, Vaticano e naturalmente Italia.

“La scintillante impresa dei magnifici cinque”: così il celebre critico Franco Cordelli ha definito sul Corriere della Sera lo show The Black Blues Brothers, che ha superato le 600 date in tutto il mondo registrando oltre 300.000 spettatori. Durante il Festival Fringe di Edimburgo 2019, la più importante rassegna di spettacolo dal vivo al mondo, The Black Blues Brothers è risultato essere uno dei più visti e più apprezzati dal pubblico, il teatro spesso sold out, ogni giorno standing ovation, con una grande attenzione da parte della stampa che gli ha dedicato recensioni a quattro e cinque stelle.
Il giornale australiano The Advertiser ha scelto lo spettacolo come miglior show di teatro acrobatico del Festival Fringe di Adelaide 2020.

The Black Blues Brothers ha elettrizzato il pubblico di teatri prestigiosi (come il Quirino di Roma, il Coccia di Novara, il Victoria Eugenia di San Sebastián e il Music Hall nelle Assembly Rooms di Edimburgo), di kermesse internazionali (tra cui il Festival Sziget di Budapest, il MAC di Barcellona e la Kleines Fest di Hannover), di casinò internazionali e di grandi eventi.
I Black Blues Brothers hanno avuto l’onore di esibirsi per Papa Francesco, che si è personalmente congratulato con loro durante il Giubileo dello Spettacolo Popolare e sono stati ospiti del Principe Alberto per la cena di gala dei Rolex Master di Tennis allo Sporting Club di Monte Carlo. Invitati alla Royal Variety Performance, la storica trasmissione TV ideata dalla famiglia reale inglese che dal 1912 accoglie i più grandi nomi della danza, del teatro e del circo (i Beatles, Elton John, Rudolf Nureyev, Stan Laurel e Oliver Hardy, tra le star avvicendatesi nel corso degli anni), la loro esibizione è risultata essere una delle più apprezzate dagli spettatori in una serata che ha visto sfilare celebri stelle dello spettacolo dal vivo, introdotte dal Principe Carlo che ha lodato l’enorme talento degli artisti coinvolti.
L’enorme riscontro planetario è valso agli acrobati l’invito a celebri programmi TV quali Le plus grand cabaret du monde, considerata il top per queste forme artistiche, e Tú Sí Que Vales Italia che li ha visti arrivare in finale lasciando a bocca aperta pubblico e giuria.

http://www.blackbluesbrothers.it

25 agosto GRAGNANO 

Piazza della Pace h.21

Black Blues Brothers (Kenia)

Night train (circo contemporaneo)

Lo spettacolo viene replicato a Gragnano per offrire al maggior numero possibile di spettatori di fruire di questo spettacolo unico nel suo genere. Uno show acrobatico comico musicale, con una colonna sonora indimenticabile.

Nella sala d’aspetto di una stazione ferroviaria cinque uomini, con indosso trench alla Humphrey Bogart, sono in attesa. Di un treno? Di una persona? Per ingannare il tempo si scatenano in acrobazie incredibili, che sfruttano tutto ciò che li circonda per numeri mozzafiato: i tavoli,  le sedie… anche i passaggi a livello! è uno show acrobatico comico musicale, con una colonna sonora indimenticabile che attinge al periodo d’oro della musica statunitense e propone sequenze acrobatiche inedite e travolgenti.

Sulle travolgenti note della colonna sonora del leggendario film di John Landis, i Black Blues Brothers fanno rivivere ogni sera uno dei più grandi miti pop dei nostri tempi a colpi di piramidi umane, limbo col fuoco, salti acrobatici con la corda e nei cerchi.

La versione open air è pensata appositamente per gli spazi outdoor, con la scenografia e gli oggetti di scena adattabili al luogo della performance: dai palchi alle piazze, dalle strade alle arene circensi, il ritmo dei Black Blues Brothers è perfetto per ogni contesto.

Hit memorabili come Twistin’ the night away, Blue Moon, Just a gigolo e brani dei più grandi interpreti Usa quali Elvis Presley, Aretha Franklin, Chubby Checker, Glenn Miller e Keith Emerson accompagnano un repertorio dinamico e divertente fatto di piramidi, salti mortali, esercizi con la corda e molto altro! Scritta e diretta da Alexander Sunny (produttore di spettacoli di successo e curatore di speciali TV sul Cirque du Soleil), la seconda attesissima produzione dei Black Blues Brothers riporta sul palco i cinque artisti africani che hanno già riscosso grandissimo successo in un tour mondiale che li ha portati in Spagna, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Emirati Arabi, Olanda, Austria, Svizzera, Polonia, Belgio, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Lussemburgo, Principato di Monaco, Vaticano e naturalmente Italia.

http://www.blackbluesbrothers.it

26 agosto ROTTOFRENO 

Pista Polivalente via Tobagi h.21

Carpa Diem

Doppio Zero  (circo contemporaneo)

di e con Circo Carpe diem – occhio esterno: Fabrizio Rosselli – Costumi: Giulia Rossi – Scenografia: Betti Cai – Light designer: Dario Andreoli

Coproduzione: Teatro Necessario – on il sostegno di ACCI (Associazione Circo Contemporaneo Italia), vincitori del Bando ProudAct – Centro di residenza IntercettAzioni – Circuito Claps Casa del Circo Contemporaneo – Fond. Circo Vertigo – Residenza Surreale Flic/RSGT – Terre di Circo – IdeAgorà – Teatro Comunale Vicenza – Teatro Magnani di Fidenza – ATER Fondazione – Cronopis Espai de Circo

1 ora di circo teatro con palo cinese, bicicletta acrobatica e clown.

Lui è ingenuo distratto e sognatore, lei è energia pura, velocità e movimento, insieme sono come l’acqua e la farina, insieme preparano il pane in una giornata che sembra semplice e normale, proprio come il pane quotidiano, ma in realtà è magica e sorprendente esattamente come loro due: Tulli legge a testa in giù sospeso ad un palo mentre Vroni va in bicicletta pedalando con le mani e guidando con i piedi. Sono buffi, teneri e surreali impastano a quattro mani e mentre attendono che il pane lieviti e si cuocia, ci regalano un viaggio nel tempo e nei sentimenti accompagnati dalle canzonette degli anni ’50, dalle cronache radiofoniche e da quella voglia di vivere che si respirava negli anni della ricostruzione. “Doppio zero” prende per mano lo spettatore e l’invita ad abbandonarsi allo sguardo dell’infanzia che trova nel circo contemporaneo le sue parole mute.

Katharina e Luca si conoscono in un progetto di circo sociale in Kenya.

Condividono la passione per il circo e la sua pedagogia, si formano insieme alla scuola di circo “Carampa” di Madrid specializzandosi in palo cinese, duo acrobatico e monociclo, continuano la loro formazione in Spagna, Italia (Flic Scuola di Circo) e Argentina.

2 spettacoli di circo-teatro all’attivo: “Dolce Salato”, dal 2017 nelle piazze di tutta Europa, 150 repliche in 5 Paesi, vincitore del Premio Otello Sarzi 2020. “Express” della cia Faltan7, vincitore del “Primo Premio Circada OFF 2018, Siviglia e di “Miglior Spettacolo di Strada, PREMIO FETEN 2019” Gijon.

27 agosto SAN GIORGIO 

Cortazza del Castello h.21

Mathias Martelli 

Il primo miracolo di Gesù bambino (teatro)

con Matias Martinelli – regia di Eugenio Allegri

Lo spettacolo è tratto da una delle opere più celebri di Dario Fo: “Mistero Buffo” è irrimediabilmente legato alla figura del suo autore-attore, tanto che sembra impossibile riproporlo senza la sua presenza sulla scena. Una scommessa che Matthias Martelli e Eugenio Allegri hanno accettato, nel segno di una fedeltà all’originale che, per non essere tradito, necessita di una rilettura nuova e personale che ne sappia restituire lo spirito agli spettatori contemporanei. Un’operazione eseguita con l’esplicito consenso dello stesso Fo. Fra tutte le giullarate che compongono “Mistero Buffo” per Bellinzona si è scelto “Il primo miracolo di Gesù Bambino” che narra dell’emigrazione di Gesù e della sua famiglia da Betlemme, a seguito delle stragi degli innocenti di Erode, e di come il piccolo Gesù riesca a farsi accettare dai bambini ebrei di unʹaltra città inventando il miracolo degli uccellini fatti con la creta e poi dati alla vita col solo suo soffio. Una giullarata esilarante sui temi attualissimi dellʹemigrazione, del lavoro e dellʹintegrazione costruita sull’inimitabile paradosso comico e grottesco del teatro di Fo.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank