Parcheggio interrato di piazza Cittadella, Anac apre un fascicolo: “Ritardi nella progettazione”

Parcheggio interrato di piazza Cittadella. Su segnalazione del comitato cittadino Piazze Cittadella e Casali, l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inviato una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti.

“Le Piazze sono tutelate con specifico vincolo storico-culturale. Eppure il progetto ha ottenuto l’autorizzazione culturale in assenza della preventiva e necessaria procedura di verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale (V.I.A.). Verifica obbligatoria per le caratteristiche del sito e per l’imponenza del progetto.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha coinvolto il Ministero dell’ambiente, il Ministero per i beni e attività culturali e il turismo, la Regione Emilia-Romagna (Settore V.I.A.). Ma anche il Comune di Piacenza, la Soprintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio di Parma, informata per opportuna conoscenza l’A.N.A.C.

Sono state chieste l’annullamento in via di autotutela delle eventuali autorizzazioni definitive per la realizzazione dell’opera e lo svolgimento della vincolante procedura di verifica di assoggettabilità a V.I.A.

“L’obiettivo è, comunque, la rivisitazione di un progetto che appare decisamente troppo pesante per il contesto storico-culturale, ambientale del centro storico piacentino”.

Anac apre un fascicolo

A tal proposito A.N.A.C., Associazione Nazionale Anticorruzione, ha aperto un fascicolo di vigilanza a causa dei tempi troppo lunghi di progettazione.

“Il protrarsi della fase di progettazione determina una potenziale significativa incidenza sull’equilibrio economico dell’operazione in questione”.

“Il fatto che le nostre osservazioni siano prese in considerazione significa che sono fondate. Preciso che nella fase di preparazione dell’esposto inviato nel dicembre 2018 e integrato nel giugno 2019 ci siamo avvalsi della consulenza legale dell’avvocato Umberto Fantigrossi. In questa seconda fase abbiamo chiesto l’assistenza legale del Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus”. Spiegano dal comitato

“Come Comitato due piazze, Cittadella e Casali, stiamo predisponendo una proposta per la città nord di scala urbanistica e che dà preminenza agli interessi generali. La illustreremo e discuteremo con la cittadinanza e, se ssremo ricevuti, con l’Amministrazione Comunale. Il nostro obiettivo è l’urbanistica partecipata per affrontare e risolvere, nell’interesse di tutti i cittadini e con i tempi che saranno necessari, i problemi della città e del territorio”.

Nel frattempo oggi si è tenuta una catena umana organizzata proprio dal comitato per chiedere che non venga messo in pratica il progetto.