Primi giorni con il Super Green Pass obbligatorio al bancone del bar, i gestori: clienti preparati, ma rallenta il lavoro – AUDIO

Primi giorni con il Super Green Pass obbligatorio al bancone del bar, i gestori: clienti preparati, ma rallenta il lavoro

Primi giorni con il Super green pass obbligatorio al bancone del bar, i gestori piacentini: clienti preparati, ma rallenta il lavoro. Dal 25 dicembre il certificato rafforzato è obbligatorio anche per le consumazioni al bancone di bar e ristoranti. Sul tema Radio Sound ha sentito alcuni baristi piacentini. 

blank

“I clienti entrano già con il Super Green Pass in mano – spiega Michael del Dodo Caffèmentre agli altri portiamo la consumazione fuori. Comunque al caffè non si rinuncia”.

Secondo Rachele del Bar i Portici la decisione va a discapito di chi non ha la certificazione. “Ho ripreso con l’asporto cercando di scremare chi coscientemente mi avvisa di non avere il Super Green Pass così non abbiamo il problema di dover fare dei doppi controlli che non velocizzano per niente il lavoro. Però far capire l’ingranaggio cambiato ancora una volta a tutti non è semplice”.

Per Alcheta del Bar Le Coccole per fare un’analisi su un possibile calo del lavoro bisogna attendere metà gennaio. “Un po’ di calo c’è ma ancora non si può pensare che sia solo a causa del certificato da esibire al bancone. Probabilmente tanta gente è in ferie”.

Non risultano esserci problemi al Bar Stazione a Fiorenzuola che lavora soprattutto con chi viaggia. Per Umberto della Caffetteria Mazzini di Castel San Giovanni ci sono invece delle difficoltà. “E’ comunque un po’ una scocciatura. Sicuramente rallenta il lavoro. Soprattutto perché se viene dentro al bar una persona alla volta non ci sono problemi, ma già con 4-5 contemporaneamente la situazione cambia”. 

Super green pass obbligatorio al bancone del bar, i gestori piacentini

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank