Reggiana e Piacenza tornano ad affrontarsi: un derby che mancava da più di vent’anni

Reggiana - Piacenza

Reggiana – Piacenza  è una gara che da sempre ha stuzzicato la fantasia dei tifosi. Un derby sentitissimo, ricco di storia, di tradizioni, di colori e di gol. Un derby che porta con sé il ricordo d di vittorie che sono passate alla storia: quelle del Piacenza degli anni Novanta, che non ha mai permesso ai granata di vincere la partitissima in serie A. Reggiana – Piacenza non è una partita come le altre

SEGUI IL DERBY TRA PIACENZA CALCIO E REGGIANA SU RADIO SOUND con STADIO SOUND, LA TRASMISSIONE DELLO SPORT PIACENTINO A 360°, FISCHIO D’INIZIO ALLE 17:30 DI DOMENICA

La storia del derby….

Dal sinistro al 90’ di Moretti che decise il derby in A nel 1994 (3-2), al  clamoroso 3-0 che i biancorossi rifilarono agli avversari nella stagione ’96-’97 con rete di Di Francesco e doppietta di Luiso. Il 9 marzo del 1997, sul campo neutro di Bologna, si disputò il ritorno. Finì 0-0, ma quella gara la si ricorda come l’ultimo derby in A tra le due compagini che da allora non si sono più affrontate.
I precedenti tra Piacenza e Reggiana però iniziano ben prima degli anni Novanta. Il primo confronto è datato 1919 (anno di fondazione del Piacenza Calcio) in Promozione. Da allora le due compagini si sono affrontate 4 volte in A, 12 volte in serie B, ben 28 in C, 8 in D, 2 in Promozione e 2 in prima categoria per un totale di 56 incontri.

Reggiana e Piacenza di nuovo avversarie, 22 anni dopo….

Al “Mapei Stadium” le due formazioni si ritroveranno l’una contro l’altra dopo qualcosa come 22 anni. E’ chiaro che l’attesa, indipendentemente dal percorso delle due formazioni in questo campionato, sia molto forte da parte di entrambe le tifoserie. Ed è altrettanto evidente che questa sarà una partita a sé in un contesto extracampo che poco avrà a che vedere con la serie C. Ci si prepara quindi al tradizionale spettacolo di colori, cori e sfottò. Al frizzantino clima che solo un derby di questo tipo sa regalare.

Reggiana una vera corazzata…

I locali, guidati da Massimiliano Alvini, sono campioni di regolarità: una sola sconfitta in tutto il campionato frutta un quinto posto che è bugiardo. I granata hanno infatti 31 punti, uno in meno del Carpi che è secondo. Con una classifica così corta il loro obiettivo è quello di risalire diverse posizioni in un colpo solo.
Una squadra che può nell’ultimo periodo si dispone prevalentemente con il 3-4-2-1 e, più raramente, con il 3-4-1-2: la Reggiana vanta la terza difesa del campionato con soli 12 gol incassati, ma soprattutto vanta il terzo miglior attacco. Giocatori come Scappini (7 centri stagionali), Varone (6 reti) e Marchi (5 reti), sono sempre pericolosissimi da affrontare

Qui Piacenza, tanta la voglia di riscatto…

Il pareggio contro l’Imolese sembra aver definitivamente tagliato fuori i biancorossi dal primato (leggi qui): non solo per i 9 punti che separano la capolista Vicenza dalla formazione di Franzini, ma anche per le 5 formazioni che si frappongono tra l’una e l’altra (tra esse c’è anche la stessa Reggiana n.d.r.).
L’obiettivo in casa piacentina al momento non può che essere quello di raggiungere un buon piazzamento in vista dei playoff. Questo non toglie che Pergreffi e compagni proveranno subito a tornare a vincere. Per la prima volta da diverse settimane non avranno più la pressione dei favori del pronostico, dal momento che quest’anno nessuno ha vinto al “Giglio”. Proveranno a fare l’impresa per la classifica, certamente, ma anche per regalare ai tifosi una grande soddisfazione e ritrovare immediatamente fiducia nei propri mezzi.
Il Piacenza ha definitivamente recuperato Cacia e Sestu, ma soprattutto può sempre contare su un goleador in stato di grazia come Paponi, ancora al comando della classifica marcatori.

La 17esima giornata di campionato, serie C, girone B

sabato 30 novembre
Arzignano – Virtus Verona

Domenica 1°dicembre, ore 15:00
Carpi – Triestina
Gubbio – Padova
Modena – Pesaro
Sudtirol – Real Vicenza

Domenica 1° dicembre, ore 17:30
Reggiana – Piacenza Calcio
Fano – Fermana
FeralpiSalò – Cesena
Imolese – Samb

Lunedì 2 dicembre, ore
Rimini – Ravenna