Piacenza Summer Cult, gli eventi a Santa Chiara fino al 23 luglio

Summer Cult eventi a Santa Chiara
Piacenza 24 WhatsApp

Piacenza Summer Cult, gli eventi a Santa Chiara della settimana. Si parte lunedì con l’atteso concerto al Chiostro alle ore 21 30 di Sophie and the Giants (informazioni sull’evento).

Casa di Cura

Piacenza Summer Cult, gli eventi a Santa Chiara fino al 23 luglio. Martedì 18 luglio ore 21.30: Prendiamoci un po’ di tempo

Restituzione finale del percorso teatrale-musicale a cura di Nicola Cavallari e Tempus Fugit Percussion, 
realizzato con lo Spazio culturale Caritas per ragazzi e ragazze all’interno del progetto “8 per 1000 Prossimamente”.

Prendiamoci un po’ di tempo. Un titolo, ma soprattutto un invito.
Un po’ di tempo per affrontare le cose belle, ma anche per quelle meno belle.
Un po’ di tempo per riflettere sulle nostre emozioni. Emozioni che ci travolgono. Emozioni con cui, poco per volta, forse, impariamo a confrontarci. Emozioni con cui giocare. E giocare con i colori, i suoni e le parole.
Prendiamoci un po’ di tempo è l’esito, o meglio, il risultato del tempo passato insieme. Momenti fatti di prove, di scambi, di risate, di noia, di teatro, di percussioni, di musica, ma anche di scoperte ed esperienze nuove. Momenti di fatica, impegno, svago e tanta curiosità.
La performance racconta una parte di questo cammino, che sì è stato un laboratorio teatrale e musicale, ma soprattutto un percorso che ha aggiunto un tassello alla nostra crescita.
Prendiamoci un po’ di tempo è il nostro modo di portare le emozioni in scena, che con noi diventano le protagoniste. E magari ve le racconteremo come non ve le hanno mai fatte vedere: allora un’emozione potrebbe essere l’ingranaggio di un robot, o essere codificata in livelli, o cambiare a seconda del meteo. E ancora, è l’emozione che fa nascere la musica o è la musica a provocare emozioni?
Tu chiamale, se vuoi, emozioni… cantava Lucio Battisti. Noi abbiamo deciso di non cantarle, ma di giocarle. Del resto, chi meglio di un gruppo di adolescenti, che vivono appieno e in modo quasi totalizzante questi scombussolamenti emotivi, possono giocare con le emozioni e prendersi, e prenderci, anche un po’ in giro?
Prendiamoci un po’ di tempo è una divertente performance a quadri, esito di un laboratorio tra teatro e percussioni. Non ci resta che invitarvi a prendervi un po’ di tempo per voi, insieme a noi.

Mercoledì 19 luglio ore 21.30: concerto dei Ga-20

Prima volta in Italia e unica data regionale per i bostoniani Ga-20 che da qualche anno hanno rinverdito i fasti di una tradizione che non ha mai smesso di fare proseliti, anche durante le rivoluzioni semantiche e ideologiche più intense, questo grazie a quella schietta visceralità che ne ha caratterizzato l’evoluzione, dai primordi più rock’n’roll stile Fats Domino, passando indenne durante la stagione punk, fino alle contaminazioni hard-rock e garage dei White Stripes.
“Crackdown” è il terzo album di Matt Stubbs, Pat Faherty e Tim Carman, l’ennesimo tributo alla figura del bluesman afroamericano Hound Dog Taylor, già esplicito riferimento del precedente album “Try It…You Might Like It!”. Blues, rock’n’roll e country rivivono in un set di canzoni che onorano il fragore chitarristico di Jimi Hendrix e il tocco graffiante di Buddy Guy.
Non è un caso che quel che manca ai Ga-20 sia la presenza di un bassista, scelta che crea un legame ancor più solido con i padri fondatori (Johnny “Guitar” Watson, Earl Hooker, JB Lenoir, Otis Rush, Guitar Slim) e con le tante band (The Houserockers, Ice Cream Men) prese a modello dai tre musicisti di Boston. Il rock blues dei Ga-20 è rozzo, crudo, non ha molte affinità con quello più rifinito dei Black Keys, né tantomeno con lo spossato rock-blues made in England. A tanta schiettezza corrisponde un album altrettanto irreprensibile e perfino impertinente, due qualità ben rappresentate dalle rudi sonorità rock-blues di “Easy On The Eyes” e dalle seducenti inclinazioni boogie-blues della straordinaria “Dry Run”. Il sound del trio americano è quello tipico delle migliori garageband (“Fairweather Friend”), erede diretto del primigenio rock’n’roll (“By My Lonesome”), pungente e viscerale anche quando rallenta i tempi (“Gone For Good”) o si cimenta con un classico (l’unica cover dell’album, “Just Because” di Lloyd Price). Una naturale attitudine punk e un lieve fraseggio funky, che fa capolino tra le righe, aggiungono infine quel tocco in più, che pone la band dei Ga-20 al di sopra di molte formazioni in odor di revival.

Casa di Cura

Giovedì 20 luglio alle ore 21.30: Nikki Hill

La band Nikki Hill e del suo gruppo è caratterizzata da una febbrile energia rock’n’roll, figlia di incessante carica delle leader e di una sbarazzina attitudine garage della band, che oltre al marito Matt Hill, può contare sulla ottima Laura Chavez, per anni a fianco di Candye Kane, ma ha suonato spesso anche con Vanessa Collier, vista a Lugano nel 2019. La Hill tira la voce senza risparmiarsi un attimo, la band la supporta accentuando i ritmi e le sonorità ruvide.  Tutto questo rende difficile rimanere fermi, il loro rock’n’roll venato di blues a ritmi vorticosi rende i loro live un’esperienza quasi carnale.

Prevendita on line: www.ticketone.it

Domenica 23 luglio alle ore 21.30: Opera?

Opera? Renzo Ruggieri Orchestra, Paola Gassman e Ugo Pagliai in scena a Santa Chiara domenica 23 luglio alle ore 21 all’interno della rassegna Piacenza Summer Cult. Aperta la prevendita su Ticketone o presso la biglietteria degli Amici della Lirica di Piacenza.

Iscriviti per rimanere sintonizzato!

Radio Sound
blank blank