OVS, Si Cobas: “Cgil e Cisl orgogliosi per aver raggiunto un accordo che vedeva contrari tutti i lavoratori”

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei S.I Cobas che rispondono a Cgil e Cisl in merito all’accordo raggiunto con l’azienda OVS.

blank

La nota dei SI Cobas

Come S.I.Cobas piacentino, siamo rimasti allibiti dal leggere sui siti di alcune testate piacentine un comunicato congiunto di CGIL e CISL che rivendicavano con orgoglio l’entrata in vigore di un accordo per il magazzino OVS di Pontenure e i suoi 600 dipendenti.

Il motivo del nostro stupore è dato dal fatto che, durante le assemblee in cui l’accordo è stato sottoposto ai lavoratori, il 100% degli stessi ha rifiutato il suddetto testo, reputandolo del tutto insufficiente per permettere un serio avanzamento delle condizioni economiche della manodopera.

Perché non ci venga subito appiccicata l’etichetta dei “radicali”, diciamo anche che sono stati solo l’unanimità dei lavoratori o la sigla sindacale S.I.Cobas a rifiutare l’accordo: a noi si aggiunge anche la UIL, di certo non nota per il suo estremismo, la quale ha preso parte all’assemblea con i lavoratori insieme al S.I.Cobas e, sebbene non avesse inizialmente una posizione predefinita, si è adeguata alla scelta dei lavoratori rifiutandosi anch’essa di sottoscriverlo (alleghiamo alla presente la loro nota di rifiuto).

blank

La piattaforma che il S.I.Cobas, sigla ampiamente maggioritaria nel sito, aveva sottoposto all’azienda su richiesta dei lavoratori era infatti molto diversa: s richiedeva l’integrazione dei giorni di malattia al 100%, senza vincoli di evento, alla cooperativa operante. Si trattava inoltre di introdurre un Premio di Risultato (PDR) consistente, dal valore di 1.600 euro (la versione firmata dalla CGIL e dalla CISL oscilla fra un minimo di 300 e un massimo di 600 euro a lavoratore). Si richiedeva l’innalzamento del ticket mensa da 5,29 euro a 7,00 euro, ormai sfumata con questa firma. Non solo: si richiedeva la stabilizzazione di parte del personale a tempo determinato, andando a incidere sul piano del vero cancro del mercato del lavoro italiano: la precarietà.

La contro-proposta del consorzio CAL, che ha in appalto la manodopera, era stata ritenuta da noi e dai lavoratori decisamente troppo scarsa, e di conseguenza rispedita al mittente. Pur rimanendo le relazioni con il consorzio e con la committenza improntate alla maggiore serenità possibile, proprio in ragione della nostra rappresentanza maggioritaria, non potevamo violare il mandato dei lavoratori.

Ci chiediamo quindi come possano sperare di non perdere la faccia con i lavoratori la CGIL e la CISL, avendo addirittura il coraggio di rivendicare un accordo da tutti ritenuto come del tutto insufficiente a valorizzare la manodopera e a contrastare gli effetti devastanti dell’inflazione in atto.

Come S.I.Cobas, non firmeremo mai e poi mai un accordo contrario alle volontà dei lavoratori, e non possiamo che provare imbarazzo per chi non solo lo fa, ma ha anche il coraggio di dichiaralo pubblicamente come una vittoria.

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank