“Servono assunzioni per un migliore servizio”, sit-in dei dipendenti pubblici davanti all’ospedale

Oggi sciopero dei dipendenti pubblici piacentini con presidio davanti all’Ospedale Civile di Piacenza.

blank

La nota dei sindacati

“Una astensione generale dal lavoro non avvenuta a cuor leggero ma “necessaria”, spiegano i sindacati, per rivendicare gli investimenti e quanto serve a migliorare il servizio a cittadini e imprese. Per esempio, un servizio pubblico di qualità non può andare avanti senza assunzioni.

Dal 2008 al 2018 ci sono state meno 212 mila assunzioni nel pubblico. Come fare a fornire un servizio di qualità in questo modo? In Emilia Romagna ci sono quasi 7mila dipendenti in meno tra regione e autonomie locali. Per non parlare del gap generazionale: sopra i 60 anni sono il 16,2%, sotto i 30 anni sono solo il 2%. Una situazione non sostenibile.

Lo sciopero, sottolineano i sindacati ha motivi concreti: non solo assunzioni, ma anche sicurezza, che oggi è fondamentale per tutti, e il riconoscimento della professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori.

Intanto è in pieno svolgimento, anche a Piacenza, la campagna social di sensibilizzazione dei ministri e parlamentari che prevede l’invio di testi e immagini sui rispettivi profili facebook. “Non intendiamo lasciare nulla di intentato, dichiara Claudia Civetta, sindacalista Fp Cisl, per far uscire i problemi del lavoro pubblico dall’ambito in cui questo tema è preda della retorica della buona volontà, per affrontare con pragmatismo i cambiamenti che lo rendano volano di sviluppo e anzi comparto strategico per il futuro delle comunità e del Paese”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank