Movimento Federalista Europeo, il 30 maggio incontro coi candidati alle prossime elezioni

Elezioni-2024-riunione-in-Comune-a-Piacenza
Piacenza 24 WhatsApp

Il Movimento Federalista Europeo organizza una tavola Rotonda per il 30 maggio. A questo incontro si aggiunge la dichiarazione per i candidati al Parlamento Europeo, alla quale abbiamo invitato i candidati dei partiti alle prossime elezioni per il Parlamento Europeo.

Saranno presenti 3 parlamentari uscenti eletti in 3 diversi paesi e più precisamente:

-Graham Robert Watson eletto in Inghilterra nella Circoscrizione sud occidentale, già Presidente del Partito dell’Alleanza dei Liberali e Democratici per l’Europa, dal 1994 al 2014, oggi Capo lista degli Stati Uniti d’Europa;

-Sandro Gozi, dal 1 febbraio 2020, è deputato al Parlamento Europeo nel Gruppo Renew Europe, eletto nella Circoscrizione francese nella lista Renaissance promossa dal Presidente Macron; è inoltre Presidente dell’Unione dei Federalisti Europei a cui aderiscono 18 Movimenti Federalisti.

-Sabrina Pignedoli, parlamentare uscente eletta nelle file del Movimento5Stelle, capolista dello stesso Movimento nella presente tornata elettorale;

Rimane fermo che sarà l’occasione per assistere al confronto tra 6 candidati.

La nota del Movimento Federalista Europeo di Piacenza

Purtroppo, ad oggi, siamo costretti a registrare che nessun partito della maggioranza di Governo ha aderito alla presente Tavola Rotonda.

Non intendiamo fare polemica ma ci auguriamo che giovedì siano presenti anche i candidati o rappresentanti di questi partiti.

Siamo costretti a registrare che questa campagna elettorale è un deserto politico. Non c’è competizione si potrebbe dire che la partita non è iniziata.

La posta in gioco alle elezioni Europee di cui nessuno parla: è la Riforma dei Trattati. Questo è l’obiettivo del Movimento Federalista Europeo che intende sottoporre ai Partiti.

È del tutto evidente infatti che non si può invocare l’intervento delle Istituzioni Europee (quali Commissione Consiglio Europeo o Parlamento Europeo) se alle stesse, i paesi membri non conferiscono, attraverso la riforma dei Trattati, il potere di intervenire.

Sia chiaro infatti che, di fronte a due guerre in corso, l’Europa non può fare nulla poiché non ha mai trasferito a Bruxelles la politica estera comune e tanto meno ha costituito un esercito comune.

Così per quanto concerne il problema complicatissimo ed attualissimo del fenomeno dell’immigrazione.

C’è poi il problema del bilancio senza un potere di spesa o meglio una fiscalità comune, difficilmente l’Europa potrà affrontare l’improcrastinabile problema del cambiamento climatico.

Tutti siamo in grado di comprendere che per bloccare le emissioni in atmosfera servono investimenti e leggi valide in tutti i paesi membri. Le nozze con i fichi secchi non si fanno.

Questi argomenti non sono oggetto della campagna elettorale.

I cittadini devono sapere chi vuole le riforme dei Trattati per dare più poteri all’Europa e chi invece è contrario ad un trasferimento di Sovranità a favore dell’Europa.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank