Piacenza, ora testa al campionato: al Garilli arriva il Gubbio

Piacenza - Gubbio

Una settimana di lavoro apre la sua porta alla sfida di domenica pomeriggio tra Piacenza e Gubbio. I biancorossi vogliono uscire da quella che ha tutte le caratteristiche di una crisi: 3 punti in 4 partite sono una media da lotta per non retrocedere, che nulla ha a che vedere con gli obiettivi ben più prestigiosi della società. Serve una svolta che non può prescindere da un repentino cambio di rotta a livello realizzativo.
In questo momento il Piacenza Calcio è Paponi-dipendente: dall’infortunio del suo goleador, che nel frattempo è rientrato in campo , ma deve ovviamente ritrovare la condizione, i biancorossi hanno faticato maledettamente a creare occasioni.

SEGUI PIACENZA – GUBBIO SU RADIO SOUND CON LA TRASMISSIONE SPORTIVA STADIO SOUND

Piacenza, una squadra in crisi

La sensazione è che possano esserci dei movimenti importanti nel mercato di riparazione, indispensabili per sopperire agli evidenti deficit strutturali della squadra. Questo però non può e non deve diventare un alibi. Le partite che ci separano dal cosiddetto “mercato di Gennaio” sono ancora troppe ed il rischio di perdere tanto terreno da non poter più tornare competitivi è dietro l’angolo.
La squadra si chiude a riccio attorno al suo tecnico: dovrà stringere i denti e tirare fuori il meglio nelle prossime tre gare con Gubbio, Fano ed Imolese, per tornare a ridosso delle prime.

Un passo avanti a livello difensivo

Nelle difficoltà del momento del Piacenza Calcio si può trovare anche un aspetto positivo che, certamente non cambia i connotati di questa porzione di campionato, ma restituisce un minimo di ottimismo per l’immediato futuro. Contro la Virtus Verona, formazione capace di realizzare il maggior numero di reti nel campionato di serie C, il Piacenza non solo non ha subito reti, ma ha anche impedito agli avversari di creare occasioni significative. La squadra non ha subito reti nemmeno nei 90’ minuti regolamentari della sfida di Coppa con l’Imolese, seppur con sensibili variazioni nell’undici titolare (leggi qui). Ed è da questo elemento, comunque non secondario, che si deve ripartire

Franzini sulla graticola?

Il tecnico continua a godere dell’appoggio incondizionato del club, ma appare evidente che una parte sempre più consistente della tifoseria abbia voltato le spalle al tecnico di Vernasca. Cosa accadrebbe in caso di mancato risultato? Difficile ipotizzare uno stravolgimento in panchina a novembre, anche perché l’allenatore gode ancora di un credito importante dopo tutto quello che ha fatto in questi ultimi anni. Chiaramente se il Piacenza Calcio non dovesse vincere nemmeno questa partita è probabile la frattura tra sostenitori, o una parte consistente di essi, ed il tecnico possa diventare ancor più netta.

Svolta tattica?

Difficile pensare che l’allenatore possa stravolgere il 5-3-2: anche perché se avesse veramente voluto cambiare l’assetto tattico, probabilmente avrebbe già cambiato qualcosa nel match di coppa con l’Imolese. Ci potrebbe essere una piccola rivoluzione, invece, nell’utilizzo degli uomini con Sestu impiegato da esterno difensivo, Della Latta che ritorna in difesa, lasciando spazio a Nicco, Marotta, Corradi a centrocampo. Questo modulo consentirebbe di sfruttare il duo Sylla – Paponi in attacco.

Piacenza – Gubbio probabile formazione dei biancorossi

Del Favero, Sestu, Della Latta, Milesi, Pergreffi, Imperiale, Nicco, Marotta, Corradi, Sylla, Paponi.

Il Gubbio, un avversario che ora è capace di lottare

Guardando la sponda eugubina si intuisce immediatamente che il Piacenza affronterà un avversario sulla carta alla portata, ma la sfida arriva proprio nel momento migliore dei rossoblù. Gli umbri sono rimasti a secco di vittorie per più di due mesi, ma nelle ultime due settimane hanno raccolto 6 punti, battendo di misura il Pesaro prima ed il Modena poi. Il successo di domenica contro i canarini potrebbe aver galvanizzato la compagine allenata da Torrente, che si è imposta con rete di Sbaffo su calcio di rigore. Nell’ultima gara il Gubbio si è disposto con il 3-4-2-1, con Sbaffo e Manconi dietro all’unica punta Sorrentino.
Il Gubbio ha una lunga tradizione, benché abbia toccato il calcio che conta solo in due circostanze: nel lontano 1947 e nel 2011 ha assaporato l’aria della serie B. Dopo due retrocessioni consecutive il club è riuscito a ritornare tra i professionisti nel 2016. La storia del club è impreziosita da amichevoli di lusso: il 28 ottobre del 1970 il Gubbio di Agostinelli sfidò a Coverciano la Nazionale di Valcareggi. Al Barbetti, nel 1990 il Gubbio sfidò niente meno che il Brasile di Romario….

Andrea Coda è un nuovo giocatore per la difesa umbra

Il Gubbio ha iniziato a muoversi sul mercato e, stando ai quotidiani vicini alla squadra, avrebbe quasi chiuso la trattativa per Andrea Coda, difensore ex Empoli e Samp. La firma dovrebbe arrivare in giornata e il contratto depositato nelle tempistiche corrette. Il giocatore potrebbe già finire nei titolari di domenica pomeriggio.

La gara sarà diretta dal signor Davide Moricoi di Roma, coadiuvato dagli assistenti Thomas Miniutti di Maniago e Massimiliano Bonomo di Milano.

Il turno di campionato, 14esima giornata di serie C, girone B

Sabato 9 novembre
Cesena – Reggiana

Domenica 10 novembre, ore 15:00
Piacenza Calcio – Gubbio
Fermana – Verona
Sambenedettese – Rimini
Triestina – Vicenza

Domenica 10 novembre, ore 17:30
Arzignano – Carpi
Modena – Fano
Padova – Sudtirol
Pesaro – Imolese

Lunedì 11 novembre, ore 20:00
Ravenna – Feralpisalò

Classifica

Padova 29; Vicenza 27; Reggiana e Sudtirol 26; Carpi 23; FeralpiSalò 22; Verona e Piacenza 20; Triestina 19; Sambenedettese 18; Modena, Pesaro e Ravenna 14; Cesena, Fermana e Gubbio 13; Rimini 12; Arzignano 11; Fano ed Imolese 10

Lo sport è su Radio Sound

Ogni domenica pomeriggio su Radio Sound torna la trasmissione sportiva “Stadio Sound“, con Andrea Crosali e Andrea Amorini.

Tutto lo sport nazionale e internazionale, serie A, formula uno, moto mondiale e, in primo piano, lo sport piacentino.

Calcio di Serie C con il Piacenza calcio, Serie D con Fiorenzuola e Vigor Carpaneto e aggiornamenti del calcio dilettanti fino alla terza categoria, basket con Assigeco e Bakery, volley, rugby e tanto altro.

Radio Sound è radio ufficiale del Piacenza calcio.

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza…..il Ritmo dello sport.