Sentiero del Tidone: “Un’opportunità turistica ed esempio di collaborazione territoriale”

L’incontro pubblico dal titolo “SENTIERO DEL TIDONE – OPPORTUNITA’ TURISTICA ED ESEMPIO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE” che si è svolto nei giorni scorsi a Borgonovo Val Tidone, ha avuto un forte riscontro di pubblico che ha premiato il nuovo format pensato dagli organizzatori.

blank

L’iniziativa, organizzato e promosso dall’associazione ‘Sentiero del Tidone APS’ in collaborazione con il Consorzio di Bonifica di Piacenza e patrocinato dal comune ospitante l’evento, segna un ritorno alla normalità degli incontri pubblici che il sodalizio valtidonese realizzava prima dell’avvento della pandemia e che verrà riproposta prossimamente sul territorio.

L’incontro ha visto i saluti introduttivi del sindaco di Borgonovo dottoressa Monica Patelli che, anche in veste di presidente della provincia, ha voluto elogiare le attività dell’associazione e dei suoi componenti, tutti volontari che, grazie al continuo lavoro di questi anni, sono riusciti a creare un’opera naturalistica fondamentale per l’intera vallata e ha promesso impegno per poter intercettare eventuali bandi di finanziamento che possono permettere la manutenzione e la promozione del percorso.

La serata, nel proseguo, ha proposto tanti momenti e relatori suddivisi in due parti: nella prima, “Sentiero del Tidone oggi: stato dell’arte, manutenzione e novità”, il ‘padre’ del sentiero Mario Capucciati ha evidenziato le numerose attività di manutenzione che il percorso necessita giornalmente e ha sottolineato la necessità di avere sempre un gruppo di persone per gestire al meglio, oltre agli interventi ordinari, anche le emergenze che si possono verificare e ha lanciato un appello per poter raccogliere nuovi volontari che non solo si possono cimentare nelle opere che il percorso necessita ma che possono anche soltanto monitorare alcuni tratti e segnalare eventuali problemi. A seguire Fabio Rogledi , geometra del Consorzio di Bonifica di Piacenza e consigliere dell’associazione, ha dettagliatamente descritto il progetto “Interventi di valorizzazione e adeguamento dell’itinerario Sentiero del Tidone” del “GAL del Ducato” relativo al  bando PSR 2014-2020 – Emilia-Romagna “VALORIZZAZIONE DI ITINERARI E SENTIERISTICA TURISTICA” grazie al quale sono stati realizzati numerosi interventi: il nuovo sito www.sentierodeltidone.eu, una app, una nuova cartina cartacea comprendente tutti i sentieri ciclo-pedonabili della vallata in scala 1:25000, due ostelli per l’accoglienza degli escursionisti\pellegrini, gadget promozionali come borracce, flyer e bandane ed infine alcune opere di messa in sicurezza del percorso.

blank

Daniele Razza, presidente dell’associazione, ha voluto ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per la serata e il Consorzio di Bonifica e il GAL per gli interventi realizzati che permettono al percorso di avere nuovi strumenti per renderlo più fruibile e soprattutto più attrattivo ed ha invitato tutti a sostenere il Sentiero del Tidone che ormai è diventato punto di riferimento per l’intera vallata e ad approcciarsi all’associazione per poter dare il proprio contributo.

Nella seconda parte, dal titolo “Sentiero del Tidone come opportunità turistica”, il nuovo format prevedeva il racconto dei vari soggetti  che in questi anni hanno collaborato con il progetto del sentiero e hanno voluto portare la propria testimonianza di quanto fatto, di quanto si sta facendo e si potrà fare nel futuro: Romana Masarati, insegnante del plesso di Pianello Val Tidone, insieme a Gabriella Marazzi, segretaria dell’associazione e insegnante a Sarmato nonchè fautrice del progetto scolastico giunto quest’anno alla terza edizione, hanno ripercorso le varie tappe e lo sviluppo di questo progetto, organizzato insieme ad altre realtà importanti del territorio e grazie all’aiuto dei volontari, che ha avvicinato e permesso a circa duemila studenti delle scuole primarie di conoscere e di percorrere tratti di percorso su diverse iniziative a cui le scuole della vallata hanno aderito convintamente.

A seguire il dott. Grillo, referente dell’associazione “Progetto Vita”, ha portato i saluti della presidente dott.ssa Aschieri ed ha illustrato ai presenti l’importanza dei defibrillatori, sottolineando il primato di Piacenza sull’argomento a livello europeo per numero di DAE e di tutte le iniziative messe in campo e dell’importanza anche a livello turistico di avere zone cardio-protette. Menzione al Sentiero del Tidone, primo percorso cardio-protetto d’Italia che è diventato di riferimento a livello nazionale e che deve essere considerato in assoluto un “plus” del percorso.

Angela Origgi, in rappresentanza dell’associazione sportiva “ASD La Bosana” con sede a Piozzano e con una base anche in località Catenoni di Borgonovo Val Tidone, ha elogiato il lavoro dei volontari che da sempre permettono di poter usufruire del percorso, soprattutto nella tratta nel comune di Borgonovo Val Tidone, per l’allenamento dei cavalli in preparazione delle gare a livello europeo e mondiale e che hanno permesso risultati eccellenti conseguiti quest’anno e ha sottolineato la fattiva collaborazione con l’associazione per la gara, a livello nazionale, che viene organizzata ormai da alcuni anni.

blank

Gianluca Misso, bibliotecario a Sarmato e Pianello Val Tidone, ha riportato l’esperienza del progetto ‘Sentiero d’Autore’, progetto culturale presentato dal comune di Sarmato e di Pianello Val Tidone e dalle rispettive biblioteche comunali attraverso il loro gestore ‘Officine Guttenberg’ e gestito in primis proprio da Misso e da Paolo Menzani e che si è svolto nel 2022 e terminerà nei primi mesi del 2023: una serie di iniziative che sono state pensate sul Sentiero del Tidone, elemento di collegamento dei due paesi e che si basava sull’accoppiata “cultura-sentiero” e che ha permesso la realizzazione di tanti eventi molto partecipati e, contestualmente, di conoscere dal punto di vista culturale, storico e ambientale tutte le ricchezze che si possono scoprire e trovare a breve distanza dal percorso.

Successivamente quattro guide esperte escursionistiche ambientali AIGAE hanno raccontato la loro personale esperienza del progetto “Val Tidone Lentamente”, circuito di escursioni arrivato alla seconda edizione e che, visti i risultati, si appresta, nel 2023, a fare la terza edizione: Laura Ferrari, Mirna Filippi, Sara Botteri e Giuseppe Noroni hanno spiegato come le escursioni sono state in primo luogo una loro personale esperienza di arricchimento, sottolineando come ogni evento (oltre 30 quest’anno) ha permesso loro di conoscere  alcuni luoghi poco conosciuti e, a loro volta, di rendere partecipi i numerosi partecipanti che hanno aderito alle varie iniziative, che si concluderanno a dicembre. Una serie di iniziative dove il protagonista è l’intera vallata e le zone limitrofe e che ha dato la possibilità di focalizzarsi su aspetti storici, culturali, eno-gastronomici a volte sconosciuti, di far conoscere realtà locali che vivono e producono sul territorio. E’ stata ricordata anche l’importanza sociale delle escursioni che a volte sono anche inclusive, come ad esempio la camminata in più tappe in cui partecipanti saranno un gruppo di non/ipovedenti.

A seguire Azzurra Zanoli, referente del progetto biennale di “Confluenze” e presidente dell’associazione “Casagrande”, ha ricordato come oltre dieci anni fa’ un iniziale percorso intorno a Nibbiano favorito dall’associazione divenne successivamente una parte del Sentiero del Tidone e che nelle varie edizione Confluenze ha sempre cercato di valorizzare il Sentiero del Tidone nelle varie iniziative.

Infine Laura Rossi, titolare del B&B “Il Giardino di Laura” ha voluto testimoniare come gli escursionisti che hanno percorso il Sentiero del Tidone e gli altri percorsi della vallata provenienti da fuori provincia e regione hanno portato turismo e lavoro agli esercenti della zona e che realtà come questa, se ben sostenute e sviluppate, permettono di far conoscere al meglio il territorio e creare un indotto per gli esercenti locali.

La serata è stata condotta e moderata da Greta Cavallari che ha realizzato una presentazione tramite slide proiettata a favore dei partecipanti, tra cui il video realizzato tramite il bando regionale.

Tutti i partecipanti sono stati omaggiati dei gadget e della cartina cartacea del Sentiero del Tidone e di tutti i percorsi ciclo-pedonali della vallata: alcuni di loro hanno rinnovato il proprio tesseramento all’associazione “Sentiero del Tidone APS”, mentre altri hanno aderito per la prima volta.

Presente anche un banchetto dell’associazione “Amici di  Fontana” di Fontana Pradosa di Castel San Giovanni che ha promosso l’iniziativa, in collaborazione con LILT (Lega Italiana per la lotta contro i tumori), “Un baffo per la salute”, che ha come finalità la raccolta fondi per la ricerca sui tumori in ambito maschile, tramite il suo principale promotore Maurizio Tresoldi che è intervenuto alla serata.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank