Lega: “Se il sindaco emette un’ordinanza, un dirigente non può smentirla sulla stampa”

“Se il sindaco emette un’ordinanza, un dirigente non può smentirla”. Il gruppo consigliare della Lega interviene nella querelle di questi giorni. Querelle nata dopo le dichiarazioni del sindaco Barbieri in consiglio comunale. “Notiamo con sorpresa che alcuni sindacati di polizia locale, spesso litigiosi tra di loro in passato, si sono uniti. Forse accomunati solamente da un nemico in comune”.

“Esprimiamo il nostro sostegno ad un chiaro e basilare concetto. Se il sindaco emette un’ordinanza, supportata tra l’altro da una normativa regionale, non può trovarsi poi un dirigente comunale che sulla stampa la smentisce. Questa è la base del funzionamento della macchina comunale”.

La Lega risponde anche alla polemica sull’assenza di Barbieri alla Festa di San Sebastiano. “In quella giornata era impegnata, a Bologna, in qualità di presidente della Provincia. L’obiettivo dell’incontro era cercare di salvaguardare ben 35 dipendenti dell’azienda Sima Tectubi che rischiano il posto di lavoro. Forse servirebbe verificare le situazioni prima di scrivere di getto, soprattutto se chi si firma è un sindacato di lavoratori. E, inoltre, l’amministrazione comunale era comunque rappresentata durante quell’importante evento”.

In merito a quanto portato avanti in tema di sicurezza siamo soddisfatti dell’operato dell’assessore competente Luca Zandonella. Ordinanze restrittive sul quartiere Roma, videosorveglianza, numerosi controlli, anche in borghese, su situazioni di abusivismo e tanto altro. Sappiamo bene che ancora altre azioni devono essere portate a termine. Ma ricordiamo che il programma elettorale è da compiersi nei 5 anni di mandato e non tutto in un anno e mezzo. Auguriamo buon lavoro agli agenti, sperando che queste polemiche non distolgano dal corretto svolgimento del proprio operato”.