L’economia piacentina continua a crescere ma rallenta, export in aumento dell’8,8%. Crescono le imprese gestite da stranieri

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Nel corso del 2023 l’economia internazionale e nazionale hanno mantenuto ritmi di crescita positivi, anche se in decelerazione per il progressivo esaurirsi del recupero post-pandemico, oltre che per l’elevata incertezza che caratterizza pur sempre il quadro geo-politico (cfr. le tensioni causate dal conflitto russo-ucraino e da quello israelo-palestinese), e che ha determinato uno sviluppo molto limitato (+0,5%) del commercio mondiale.

L’inflazione però ha rallentato, grazie all’efficacia delle politiche monetarie restrittive messe in campo, e le previsioni per il PIL nel 2024 e 2025 sono adesso di moderata crescita, sia a livello globale (da +3,1% nel 2023 a +3,2 e +3,3 per cento nei due anni successivi), che nell’area Euro (da +0,4% a +0,8 e +1,4 per cento) e in Italia (da +0,9% a +1,0 e +1,1 per cento).

blank

I dati locali

Il numero 45 di Piacenz@, nel riportare i dati a consuntivo del 2023, conferma il rallentamento sperimentato in questo periodo anche dal nostro sistema economico locale, in continuità con i dati già rilevati nel primo semestre col report n. 44. Il valore aggiunto del sistema Piacenza, secondo le ultime elaborazioni di aprile di Unioncamere regionale su dati Prometeia, dopo il +1% messo a segno nel 2023, è previsto aumentare dello 0,3% nel 2024 e dello 0,7% nel 2025.

In tale contesto, nel corso del 2023 l’economia provinciale ha comunque proseguito – seppur a ritmi più contenuti – lungo il suo sentiero di sviluppo iniziato dopo la pandemia, facendo anche meglio in diverse occasioni (come spesso ci capita di osservare) dell’economia regionale e nazionale, e riportandosi in quasi tutti i settori sui valori pre-covid.

Industria, commercio e costruzioni

A livello imprenditoriale, la produzione industriale rilevata dal sistema camerale nel 2023 ha chiuso a Piacenza con un ulteriore aumento del 2,8% (dopo il +6,8% del 2022), mentre è calata mediamente dello 0,5%% in Emilia-Romagna. Risultati migliori si rilevano da noi pure per il fatturato complessivo (+4,4 nel piacentino, +0,4% in regione) e per il fatturato con l’estero (+7,2% contro +1,1%).

Anche le imprese del commercio al dettaglio hanno proseguito nel 2023 nella loro dinamica espansiva, con un ulteriore aumento delle vendite dell’1,1% (dopo però il +4,5% dell’anno precedente), allineato a quello emiliano-romagnolo.

Il settore delle costruzioni, pur incrementando (grazie sempre agli incentivi governativi) il volume d’affari dell’1,5% (+2,8% nel 2022), ha evidenziato invece una variazione inferiore a quella regionale (+1,9%).

Imprese

Sempre sul versante imprenditoriale, si arresta d’altra parte l’andamento crescente rilevato nei due anni precedenti per lo stock di imprese registrate presso la Camera di Commercio, riscontrandosi nel 2023 un calo complessivo di 375 imprese rispetto alla consistenza del 2022 (con flessioni significative imputabili soprattutto al commercio e all’agricoltura), calo che tuttavia non riguarda le imprese a titolarità straniera, in aumento di oltre 230 unità.

Scambio con l’estero

Sulla scia dei dati del primo semestre, il 2023 si è chiuso positivamente a livello dell’interscambio con l’estero. Le esportazioni piacentine in valore vedono a consuntivo d’anno un incremento complessivo dell’8,8% (bene soprattutto l’alimentare, la meccanica e i mezzi di trasporto, oltre al sistema moda legato ai poli logistici provinciali), superiore a quello che si osserva per le province limitrofe e il contesto regionale e nazionale, recuperando così rispetto al dato negativo del 2022; le importazioni locali chiudono invece con una flessione del 4,4% (erano in positivo nel primo semestre), allineandosi così per segno ed entità a quella di quasi tutti gli altri ambiti territoriali di riferimento.

Turismo

Buone notizie arrivano poi dal turismo, con i dati a consuntivo 2023 che evidenziano anche in questa occasione la buona prestazione del nostro territorio. I dati di fonte regionale consegnano a Piacenza variazioni ancora positive dei flussi rispetto all’anno precedente, sia per quanto riguarda gli arrivi (+5,5%) che per quanto riguarda i pernottamenti (+3,2%), anche se in decelerazione rispetto al primo semestre (quando i turisti erano aumentati dell’11% e le presenze del 5,5% rispetto all’analogo periodo del 2022).

La dinamica del turismo piacentino anche nel 2023 è stata comunque espansiva, e ancora piuttosto intonata a confronto con quella delle altre province emiliano-romagnole; in quest’ ambito, Piacenza risulta sempre al primo posto in regione per intensità del recupero e crescita dei pernottamenti rispetto al 2019.

Il mercato del lavoro

Bene è andato nel 2023 – allineandosi alle dinamiche più generali che si rilevano a livello nazionale – anche il mercato del lavoro piacentino. La rilevazione campionaria sulle forze di lavoro dell’ISTAT (RCFL) mostra nella media del 2023 evidenti miglioramenti per il tasso di occupazione (70,6%, +1,8 punti rispetto al 2022) e per quello di attività (75,5%, +1,9 punti), meno per il tasso di disoccupazione, che arriva adesso al 6,4% (dal 6,5% nel 2022).

La rilevazione Unioncamere-Inps indica dal canto suo un significativo aumento degli addetti alle localizzazioni d’impresa, pari all’ 1,9% (oltre 2.000 addetti in più rispetto al 2022, con incrementi in particolare nei servizi, nell’industria e nelle costruzioni), mentre il saldo tra avviamenti e risoluzioni dei rapporti di lavoro cresce anche nel 2023, con un aumento di ben 2.716 posizioni, quasi il triplo di quanto osservato l’anno precedente.

Si esaurisce invece nel corso del 2023 il recupero post-pandemia messo in atto dalla Cassa integrazione, che, con circa 990mila ore autorizzate a favore dei lavoratori dipendenti delle imprese del nostro territorio, ritorna leggermente a crescere (+5%).

L’inflazione

Per quanto riguarda l’inflazione, in provincia di Piacenza, tra maggio 2023 e aprile 2024 l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività nazionale (NIC) rilevato nel capoluogo ha evidenziato una dinamica positiva e decrescente (allineata a quella regionale e nazionale), accentuatasi in particolare tra ottobre e novembre 2023 grazie alla forte riduzione tendenziale registrata dai prezzi dei prodotti energetici.

Il 2023 ha rappresentato infine per il territorio provinciale un anno di sviluppo anche dal punto di vista demografico, con una conferma e una novità. La popolazione piacentina – secondo i dati del sistema statistico regionale – ha proseguito infatti nel recupero dai minimi della pandemia, con un incremento assoluto di 889 abitanti e un tasso di variazione (+0,3%) triplo rispetto a quello del 2022.

Tale incremento è però dovuto anche quest’anno esclusivamente alla componente dei cittadini italiani “nati all’estero” (dove un peso preponderante hanno le acquisizioni di cittadinanza da parte degli stranieri), che infatti vanno a più che controbilanciare le perdite di popolazione dovute al calo dei cittadini italiani “nati in Italia” e alla leggera flessione degli stranieri stessi.

A livello territoriale, si arresta inoltre – per la prima volta dopo decenni – il calo demografico della montagna: pur se da confermare negli anni a venire per parlare di una vera e propria inversione di tendenza, il dato è comunque significativo e mette in luce l’importante ruolo avuto anche in questa occasione dalla componente straniera della popolazione.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank