Migranti e lavoro stagionale, via libera per quasi 83 mila lavoratori. Coldiretti: “Novità importanti”

AZIENDA AGRICOLA ' LA BAGNARA ' ZUCCHINE BIOLOGICHE RACCOLTA AGRICOLTURA BIOLOGICA LAVORATORE AGRICOLO CONTADINO EXTRACOMUNITARIO
Piacenza 24 WhatsApp

Il 27 marzo 2023 scatta il click day per l’arrivo in Italia dei lavoratori extracomunitari previsti dal decreto flussi con il nuovo Dpcm (Decreto del presidente del Consiglio dei ministri) di programmazione transitoria dei flussi che stabilisce 82.705 ingressi, in aumento rispetto ai 69.700 dell’anno precedente. E’ quanto annuncia Coldiretti Piacenza nel sottolineare che le quote nazionali per il lavoro stagionale, attese principalmente nelle campagne, ammontano a 44.000 unità (contro le 42.000 dello scorso anno) delle quali 1.500 riservate alle nuove richieste di nullaosta stagionale pluriennale, ingressi che di fatto consentono all’impresa negli anni successivi di non essere vincolata ai termini di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Dpcm per avere accesso all’autorizzazione. 

Casa di Cura

“Dopo una vera e propria annata di passione sul fronte manodopera per le nostre aziende –spiega Roberto Gallizioli, direttore di Coldiretti Piacenza– la Finanziaria ha introdotto novità importanti come l’avvio dei cosiddetti ‘buoni lavoro’, il nuovo sistema di prestazioni occasionali, cui ha fatto seguito la pubblicazione del Dpcm di programmazione transitoria dei flussi dei lavoratori non comunitari che aumenta le quote in ingresso degli stagionali, semplificandone e velocizzandone l’eventuale assunzione. Tutti aspetti, questi – ha aggiunto– che andranno a semplificare il reperimento e l’assunzione di manodopera in vista delle grandi campagne frutticole e vitivinicole”.

Importanti novità e riconferme

La vera ed importante novità di questo decreto è la riconferma – continua il direttore– del rilascio di quote stagionali di ingresso riservate alle Associazioni di categoria per i propri associati nella misura di 22.000 unità in Italia (erano 14.000 l’anno prima), a dimostrazione del fatto che i tempi sono maturi per rendere strutturale la norma sperimentale introdotta dal decreto semplificazione (Dl 73/2022), sostenuta dalla Coldiretti. Le richieste presentate dalle organizzazioni professionali dei datori di lavoro, che avranno priorità sulla generalità delle istanze, saranno preventivamente verificate dalle organizzazioni professionali stesse che – evidenzia Coldiretti – assumono anche l’impegno a sovraintendere alla conclusione del procedimento di assunzione dei lavoratori, di fatto accelerando l’intero iter della procedura d’ingresso.

Il nuovo Decreto – precisa la responsabile del Servizio Paghe Silvia Canevari– sarà anche l’occasione per sperimentare il superamento del nullaosta, sostituito da una comunicazione allo sportello unico per l’immigrazione da parte del datore di lavoro contenente la proposta di contratto di soggiorno per lavoro subordinato, che verrà immediatamente trasmesso all’ambasciata italiana all’estero per più tempestivo rilascio del visto di ingresso.

Casa di Cura

Il Dpcm prevede che il datore di lavoro interessato, prima dell’invio della richiesta di nullaosta, abbia verificato presso il centro per l’impiego competente dell’indisponibilità di un lavoratore presente sul territorio nazionale prima di assumere lavoratori non comunitari dall’estero. Un adempimento che per le quote stagionali agricole non è dovuto, anche perché – sostiene la Coldiretti – avrebbe rischiato di trasformarsi in un appesantimento burocratico per le imprese costrette a fare i conti nei campi con le esigenze di tempestività imposte dai cambiamenti climatici e dalla stagionalità delle produzioni. 

Radio Sound
blank blank