A Palazzo Gotico, tra gli antichi sarcofagi: l’Egitto si svela tra astronomia, culti funerari, suggestioni musicali e cultura

Piacenza 24 WhatsApp

Palazzo Gotico accoglierà invece la direttirce del Civico Museo Archeologico di Bergamo Stefania Casini, cui sarà affidato il racconto di “Notizie da un lontano passato. Il sacerdote Ankekhonsu e la sua dimora eterna”.

Martedì 14 alle 17.30, la professoressa Anna Gianfreda, associato di Diritto ecclesiastico e canonico presso la Facoltà di Economia e Giurisprudenza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, affronterà uno degli ambiti forse più studiati nella storia dell’antico Egitto ma al tempo stesso capaci di suscitare costanti, soprendenti scoperte: il culto dei defunti, dei riti funebri e delle sepolture, ripercorrendo le norme religiose e civili che regolavano queste pratiche tra tradizione e innovazione. Giovedì 16, alle 17.30, saranno invece la curatrice del Museo di Archeologia dell’Università degli Studi di Pavia Anna Magrassi Matricardi e la restauratrice Chiara Argentino ad approfondire un caso di studio particolarmente significativo: “Eduard Ruppell e il restauro del Mummy Cover” del sistema museale d’ateneo di Pavia.

Ci si sposterà alla Biblioteca Passerini Landi sabato 25 febbraio, quando il salone monumentale di via Carducci ospiterà, alle 17, la conferenza “La description de l’Egypte”, affidando a Elisa Fiore Marochetti, funzionaria della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Torino, l’illustrazione del fondamento per gli studi di egittologia prima dell’800.

Conclusione in musica domenica 26, alle 17, con le più celebri arie verdiane riproposte da docenti e allievi del Conservatorio Nicolini insieme a un’ospite d’eccezione – il mezzosoprano Anna Maria Chiuri – nel finissage da “Celeste Aida”, con l’introduzione storica del professor Paolo A. Rossini e l’analisi della drammaturgia a cura del professor Roberto Recchia. Si potranno ascoltare, tra gli iconici reperti in mostra a Palazzo Gotico, “Celeste Aida” intonata dal tenore Kim Donghyun, il duetto dal 4° atto “L’aborrita rivale..” riproposto dalle voci di Anna Maria Chiuri e del tenore Marco Berti, per terminare con “Gloria all’Egitto e Marcia Trionfale” per coro e trombe. Al pianoforte, il Maestro Corrado Casati. Infine, il docente di pianoforte del Conservatorio Nicolini Marcello Mazzoni eseguirà la Parafrasi su Aida di Franz Liszt.

Radio Sound
blank blank