A Fano il Piacenza cerca la continuità: i biancorossi sfidano il fanalino di coda

Fano - Piacenza

Il Piacenza calcio deve dare continuità al successo della scorsa settimana contro il Gubbio. La squadra ha meritato ampiamente i tre punti, costruendo un quantitativo importante di occasioni da rete, ma l’equilibrio, com’è noto si è spezzato solo nel finale con un’intuizione di Paponi.
Ora i ragazzi di Arnaldo Franzini cercano una seconda affermazione che spazzerebbe via le polemiche e rilancerebbe gli emiliani in classifica. I biancorossi contro il fanalino di coda Fano dovranno sfoderare un’altra prestazione convincente.

SEGUI FANO – PIACENZA CALCIO SU RADIO SOUND, ALL’INTERNO DELLA TRASMISSIONE SPORTIVA STADIO SOUND

Fano, dalle “antiche” radici alla riammissione: la storia dell’avversario

L’Alma Juventus Fano venne fondata nel lontano 1906 con il nome di Fanum Fortunae. Il nome latino deriva dall’iniziativa di un professore di lingue antiche del liceo classico locale. Una realtà partita dal basso ma che già negli anni Trenta conobbe il professionismo, dove rimase fino al 1948, quando retrocedette nonostante il quarto posto in classifica, a causa della riforma dei campionati. I granata ritrovarono la serie C poco meno di trent’anni più tardi e negli anni Settanta sfiorarono addirittura la promozione in B.


Negli anni Duemila il Fano ha fatto da spola tra serie D e professionismo. Nel 2012 il club ha ingaggiato i due figli d’arte Karel Zeman e Andrea Mancini, il primo come allenatore, il secondo come calciatore. Il connubio non fu però fortunato e terminò con l’esonero del mister e la retrocessione in serie D.
Il ritorno in C è datato 2015-2016: il Fano arrivò secondo nel suo girone, ma vinse i play off: fu promosso grazie all’allargamento della Lega Pro a 60 squadre. Da allora sono arrivate tre salvezze soffertissime: la prima ai play out, la seconda all’ultima giornata, mentre la terza merita un discorso a parte. Lo scorso anno, infatti il Fano è retrocesso sul campo. A causa della mancata iscrizione di diverse realtà però è riuscito ad ottenere la riammissione in serie C.

Fano, una squadra in crisi

La stagione in corso vede i granata in grande difficoltà. I numeri parlano di una squadra che è scivolata all’ultimo posto in classifica e che solo due volte in questa stagione ha potuto alzare le braccia al cielo per esultare. I tre punti mancano da sei turni di campionato, dove i marchigiani hanno collezionato un pareggio e ben cinque sconfitte consecutive. La formazione allenata da Gaetano Fotana ha la seconda peggior difesa del girone B con 23 reti incassate (peggio ha fatto solo il Ravenna con 24) ed il secondo peggior attacco con 9 reti segnate (peggio ha fatto solo l’Arzignano)

Il punto sugli avversari

Piacenza, attento a non scivolare a Fano

Il Piacenza Calcio non può ovviamente permettersi il lusso di sottovalutare l’impegno. Il Fano non avrà nulla da perdere, al contrario dei biancorossi che avranno il peso dei pronostici sulle spalle. Sicuramente il successo di domenica scorsa ha restituito ottimismo all’ambiente, ma non ha cancellato le difficoltà strutturali di una squadra che, in questo momento, è eccessivamente Paponi-dipendente

Bicchiere mezzo pieno

Passi in avanti importanti sono stati fatti a livello difensivo: i piacentini non subiscono gol da due turni di campionato e, contando anche la gara di Coppa con l’Imolese, hanno incassato solo 2 reti in 5 partite. Non è un dato da sottovalutare ed è un’inversione di tendenza molto importante e da cui ripartire.

Sestu, un assenza pesante

Purtroppo il cammino dei biancorossi dell’ultimo spicchio di campionato è stato caratterizzato dalle assenze, ed è una cosa che è assolutamente naturale in un percorso così lungo. Va però ricordato che sono diverse giornate di campionato che il tecnico di Vernasca non può schierare l’undici migliore. Ha dovuto sopperire all’infortunio di Paponi, all’assenza di Pergreffi ed ora a quella di Sestu. Questa non può ovviamente diventare un alibi, ma è un elemento di cui è necessario tenere conto quando si analizza il cammino della squadra.

Probabile formazione Piacenza calcio

Bertozzi, Zappella, Della Latta, Milesi, Pergreffi, Imperiale, Nicco, Marotta, Corradi, Cacia, Paponi