Anno positivo per la Fondazione, nel 2022 stanziamenti per 7,5 milioni di euro a favore del territorio: “I tempi difficili ci impongono una selezione rigorosa dei progetti da realizzare”

Il 2022 si è chiuso con circa 7,5 milioni di euro di stanziamenti a favore di iniziative sul territorio in ambito welfare, istruzione, ricerca e cultura. La Fondazione di Piacenza e Vigevano traccia il bilancio dell’attività sostenuta nell’anno, rendendo noto il dettaglio delle risorse utilizzate per le erogazioni: in tutto 7.458.000 euro che comprendono, oltre ai 6.000.000 di euro a disposizione per l’attività istituzionale, altre risorse derivanti da crediti d’imposta maturati sui rilevanti e molteplici progetti nazionali sostenuti, nonché da contributi condivisi con terzi (oltre 1.050.000 euro). Questo insieme di risorse ha alimentato complessivamente 266 progetti, a fronte di 364 richieste di contributo.

blank

«È stato un anno impegnativo, per le criticità economiche e finanziarie che ben conosciamo, tuttavia siamo riusciti a destinare importanti risorse laddove il bisogno era più stringente – sottolinea il presidente Roberto Reggi tirando le somme dell’attività di questi mesi –. I tempi difficili ci impongono una selezione rigorosa dei progetti da realizzare, ma ci spingono anche ad accelerare sui processi di innovazione e di sviluppo e sulla necessità di costruire una rete di soggetti del territorio che sappia mettere in circolo fondi e esperienze virtuose e faccia da moltiplicatore sociale di effetti positivi. I bandi, che abbiamo sperimentato per la prima volta nel 2022, sono stati un ottimo alleato per realizzare questa sinergia, soprattutto in ambito welfare, il più bisognoso di supporto in questo difficile periodo storico».

Rispetto al totale di 266 progetti realizzati, 88 interventi sono frutto della terza e ultima sessione erogativa 2022, chiusa nell’ottobre scorso con un deliberato di oltre 1.760.000 euro. La parte più consistente di questi ha riguardato i progetti in ambito welfare, nei settori Volontariato, filantropia e beneficenza, Assistenza agli anziani e Famiglia e valori connessi. Rientrano in questo ambito alcuni grandi interventi, come un nuovo Centro Culturale per la terza età a Gragnano Trebbiense; la realizzazione a Ferriere della struttura per l’infanzia recentemente inaugurata “Il nido tra i boschi”, per bambini fino a tre anni; l’esperienza dei Clown Dottori e la Comicoterapia nella Pediatria dell’Ospedale di Piacenza; il progetto Star Drum di AIAS Vigevano, che utilizza gli strumenti a percussione per l’inclusione di giovani disabili.

Sempre tra i progetti approvati nell’ultima sessione, per l’educazione e la ricerca sono da segnalare il contributo annuale all’attività dell’Associazione PoliPiacenza nell’ambito dei percorsi formativi attivati sul territorio dal Politecnico e le borse di studio a favore degli studenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. «Le attività nei settori Educazione, Istruzione e Formazione e Ricerca Scientifica e tecnologica – sottolinea il presidente Reggi – sono una grande scommessa: ci impongono di fare leva sui meccanismi di sviluppo del territorio ricercando ed attivando, anche in ambito internazionale, nuovi percorsi di didattica innovativa (ad esempio, l’applicazione del metodo “Rondine”)»

blank

Infine, in ambito culturale, con la terza sessione erogativa è stato deliberato – tra gli altri – il sostegno alle grandi iniziative del territorio, come il Festival di teatro antico di Veleia, il Piacenza Jazz Fest, il Valtidone Festival, il Bobbio Film Festival e, a Vigevano, le attività culturali all’Auditorium San Dionigi e la messa in scena del Don Giovanni di Mozart al Teatro Cagnoni. Un altro stanziamento ha riguardato le attività promosse tramite XNL, il Centro di arte contemporanea, cinema, teatro e musica della Fondazione. «Anche la cultura è un tassello importante della nostra attività sul territorio – conclude il presidente Reggi – e siamo felici che il grande sforzo che abbiamo promosso direttamente nel 2022 sia stato premiato anche da una testata prestigiosa come Art Tribune, che ha scelto Piacenza come “Città italiana dell’anno” grazie, in primis, alla manifestazione XNL Aperto. Su questa linea proseguiremo con i progetti che sono già in cantiere per il prossimo anno».

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank