Una raccolta fondi in memoria di Katia, per supportare la donazione di midollo osseo

Piacenza 24 WhatsApp

È grande il dolore per la notizia della scomparsa improvvisa di Katia Mellini, la donna piacentina di 42 anni è deceduta a causa di un’emorragia cerebrale. 

Circa 10 anni fa, Katia aveva ricevuto un trapianto di midollo osseo presso il Centro Trapianti di Pescara. Per questo gli amici e familiari per ricordarla hanno lanciato una raccolta fondi su GoFundMe in favore di ADMO Abruzzo ODV – “Associazione Donatori Midollo Osseo”, per sostenere la ricerca nel campo dei trapianti di midollo osseo. L’iniziativa ha fatto registrare una grande partecipazione e, al momento sono stati raccolti oltre 4mila euro.

La storia di Katia ha commosso e generato tanta solidarietà e non solo nella comunità di Castel San Giovanni, dove la donna risiedeva. 

Per chi volesse contribuire la raccolta fondi è raggiungibile al seguente link https://gf.me/v/c/gfm/katia-mellini

Il ricordo di Paolo Di Bartolomeo, il medico che prese in cura Katia

Probabilmente non scopro niente di nuovo affermando che è mia completa convinzione che ogni essere umano viene al mondo con una missione da compiere. La storia che vi racconto ne è a mio avviso una chiara dimostrazione e testimonianza. È la storia di Katia, una ragazza di 42 anni di Castel San Giovanni in provincia di Piacenza,

Katia era nata nel 1981 e fin da primi anni di vita aveva manifestato problemi di salute perché era costantemente anemica e la milza cresceva di volume in modo anomalo. Fu nel 1986 che i genitori portarono la piccola all’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova dove fu posta diagnosi di talassemia (anemia mediterranea) intermedia. Per questo motivo nel 2002 Katia fu dapprima sottoposta a splenectomia e successivamente, a causa dei livelli estremamente ridotti di emoglobina, ad un programma di regime trasfusionale cronico presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale di Piacenza.

Le trasfusioni di sangue, eseguite ogni 3 settimane, associate ai farmaci in grado di controllare l’eccesso di ferro, erano l’unico trattamento in grado di assicurare la sopravvivenza ma non certo la guarigione. Fu alla fine del 2010 che Katia, che fino a quel momento aveva ricevuto 216 trasfusioni di sangue, si rivolse al Centro Trapianti di Pescara, che all’epoca dirigevo, per valutare la possibilità di un trapianto di midollo osseo allogenico. Avevamo una grande esperienza avendo trapiantato circa 150 pazienti talassemici con risultati a dir poco brillanti (guarigione nel 90% dei casi).

Dopo un lungo colloquio e dopo essere stata informata in dettaglio che il trapianto di midollo osseo poteva si farla guarire dalla talassemia ma poteva anche toglierle la vita per le possibili gravi complicazioni immunitarie e infettive ad esso associate, Katia decise che valeva la pena rischiare perché aspirava ad avere una vita normale come quella di tutte le ragazze della sua età (29 anni). Fra me e lei si stabilì subito una intesa perfetta, ci capivamo con un semplice sguardo. Era nata una alleanza stretta fra Katia e tutto il meraviglioso staff di medici, infermieri, tecnici, ausiliari che con me collaboravano.

Il 12 maggio 2011 Katia fu sottoposta a trapianto di midollo osseo allogenico utilizzando il midollo di un donatore tedesco di pari età, risultato compatibile quasi al 100%. Il decorso post-trapianto fu eccellente, non registrammo alcuna complicanza e Katia guarì perfettamente. Negli anni successivi il trapianto funzionava meravigliosamente bene e Katia aveva potuto iniziato una nuova e vera vita, aveva aperto una attività di parrucchiera nel paese dove risiedeva, Castel San Giovanni, era conosciutissima e molto apprezzata da tutti e soprattutto aveva conosciuto un uomo, Matteo, che l’amava profondamente così come lei amava lui. Katia e Matteo avevano deciso di sposarsi nel 2024. Mi aveva telefonato ad ottobre del 2023 per annunciarmi le nozze, un gesto che ho apprezzato dal profondo del cuore. Mi voleva bene Katia, era affezionata come una figlia.

Ma un terribile e crudele destino era in agguato. La mattina del 31 dicembre scorso, quando Katia e Matteo si apprestavano a festeggiare l’inizio di quel nuovo anno che li avrebbe portati alle nozze, Katia è stata colta da un’improvvisa e terribile cefalea che ha indotto Matteo a chiamare subito il 118. Trasportata d’urgenza dapprima all’ospedale di Piacenza e poi al reparto di Rianimazione dell’Ospedale di Parma, Katia era entrata in coma profondo a causa di una vasta emorragia cerebrale che aveva dilaniato i tessuti nervosi. Nonostante tutte le terapie messe in atto dai medici della Rianimazione di Parma, le condizioni generali si sono aggravate al punto che il 10 gennaio scorso è stata dichiarata la morte cerebrale. I medici del reparto di Rianimazione di Parma hanno allora proposto ai familiari l’espianto degli organi.

Già quando era in vita più volte Katia aveva manifestato a Matteo e ai suoi genitori di essere assolutamente favorevole alla donazione degli organi. Lei aveva ricevuto la vita dalla donazione del midollo osseo e voleva ridare la vita a qualcun altro che ne aveva bisogno. Matteo e i genitori di Katia hanno subito dato il parere favorevole e nella notte fra il 10 e l’11 gennaio a Katia sono stati espiantati il fegato, i due reni e le cornee. Non è stato possibile espiantare i polmoni e il cuore perché parzialmente danneggiati durante il decorso clinico. Il fegato è stato trapiantato ad un paziente di Modena, i due reni a due pazienti di Parma, mentre le cornee sono state depositate nella banca delle cornee e daranno la vista ad altri pazienti. E così la missione di Katia di dare la vita a chi ne aveva bisogno si è realizzata nella sua pienezza.

L’aspetto scientifico rilevante della vicenda è che, nonostante quasi 10 anni di trasfusioni di sangue e un trapianto di midollo osseo, gli organi di Katia sono stati riconosciuti idonei per eseguire i relativi trapianti. Matteo e i genitori di Katia da parte loro hanno manifestato il proposito di fare una donazione all’ADMO Abruzzo (Associazione Donatori di Midollo Osseo) per sostenere la ricerca nel campo dei trapianti di midollo osseo, una iniziativa questa di assoluto valore umano, lodevole sotto ogni punto di vista.
I funerali di Katia si terranno sabato 13 gennaio a Castel San Giovanni di Piacenza.

Ricorderò Katia come una persona speciale, sempre con il sorriso sulle labbra, bella fuori e soprattutto bella dentro. Ciao Katia, riposa in pace.

Radio Sound
blank blank