Piacenza – Novara, i biancorossi tentano l’aggancio in classifica

Piacenza - Novara, piacenza calcio

Il Piacenza si gode il momento straordinario dopo i sei gol rifilati senza repliche alla Pro Sesto domenica scorsa. Eppure il campionato dei biancorossi è appena iniziato e mercoledì c’è un altro avversario da affrontare con l’obiettivo di uscire virtualmente dalla zona playout e di presentarsi alla sfida con la Lucchese di domenica con maggiore serenità. Il calendario impone infatti il recupero della dodicesima giornata, che era stata rinviata per i tanti positivi in casa biancorossa. Mercoledì, alle 15:00, al “Garilli” arriva il Novara

blank

Segui PIACENZA – NOVARA su RADIO SOUND

Piacenza, il 3-5-2 ed una ritrovata stabilità difensiva

C’è uno spartiacque nel percorso dei biancorossi: si tratta della partita di Como. Da quel momento mister Manzo ha iniziato a recuperare gli assenti, ma soprattutto ha dato una nuova identità tattica al suo Piacenza. La difesa a 3, che ovviamente in fase di contenimento diventa a 5, poiché i laterali di centrocampo si abbassano a coprire il reparto arretrato, ha rappresentato un punto di svolta. Una squadra che subiva tanti gol, improvvisamente ha passato indenne le ultime due partite. Con il Como Libertazzi ha salvato il risultato con un paio di prodezze, ma con la Pro Sesto l’estremo difensore è rimasto praticamente inoperoso. Da questa ritrovata stabilità il Piacenza dovrà ripartire per affrontare le prossime due gare che sono fondamentali.

6 gol ed un attacco che si sblocca

Il dominio con la Pro Sesto rappresenta anche un’iniezione di fiducia per i nostri attaccanti che, fino a questo momento, avevano faticato a trovare la via della rete. E così finalmente si è sbloccato Maritato e, in maniera un po’ fortuita, anche Maio che, in ogni caso, il gol lo meritava anche, non fosse altro che per il fatto che nelle due reti precedenti di Galazzi e Flores c’era stato il suo zampino. L’auspicio è che ora anche questo reparto possa lavorare con serenità e con la medesima serenità, che talvolta ci pare sia mancata, possa capitalizzare le occasioni a sua disposizione.

Novara, un avversario in difficoltà

Il campionato di lombardi sta vivendo un periodo di difficoltà. In novembre, dopo la sconfitta con la Pro Sesto del 1°Novembre mister Banchieri è stato esonerato e al suo posto è arrivato Michele Marcolini, che ricordiamo anche come giocatore di serie A con le maglie di Chievo ed Atalanta. Gli azzurri però non hanno ancora ottenuto una vittoria con la nuova gestione. Domenica è arrivato solo un pari in Toscana contro il Grosseto: a Galligani ha risposto Schiavi su calcio di rigore, ma il penalty è stato particolarmente contestato dai locali che sostenevano il fallo fosse iniziato al di fuori dell’area.
L’appuntamento con i 3 punti manca dal 21 di ottobre (successo per 3-2 a Livorno), da allora 4 pareggi e 3 sconfitte nelle ultime 7 gare che hanno fatto precipitare la formazione al tredicesimo posto, a soli tre punti dal Piacenza. In caso di sconfitta il Novara si ritroverebbe improvvisamente di nuovo impantanato nella zona rossa della classifica e verrà al “Garilli” con il coltello tra i denti per evitarlo.
Dal punto di vista tattico è una squadra che sta cercando la sua identità. Il nuovo tecnico l’ha schierata dapprima con l’albero di Natale, quindi con il 3-5-2, ma nelle ultime due uscite sembra essersi assestato sul 4-3-3.

Out Corradi, Ballarini a rischio. Visconti dovrebbe essere della partita

P

Piacenza (5-3-2) Libertazzi, Simonetti, Corbari, Bruzzone, Battistini, Visconti, Losa, Palma, Galazzi, Maritato, Gonzi. All Manzo

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank