Ritorna la Motobefana a Piacenza, l’undicesima edizione sabato 6 gennaio 2024

Ritorna la Motobefana a Piacenza
Piacenza 24 WhatsApp

Ritorna la Motobefana alla sua undicesima edizione sabato 6 gennaio, evento voluto ed organizzato dai motociclisti dell’Associazione B.A.C.A.® – Bikers Against Child Abuse® – (Motociclisti contro l’abuso sui Bambini).

Casa di Cura

Rispettando la tradizione, anche quest’anno la manifestazione è rivolta sia ai bambini che ai motociclisti con il motogiro dedicato alla “Befana motociclista”, che sfilerà per le vie della città accompagnata – oltre che dai B.A.C.A.® – anche dai motociclisti facenti parte delle varie associazioni e gruppi motociclistici piacentini e da chiunque volesse accompagnare la Befana con la propria moto.

Alla fine del run cittadino la Befana motorizzata ritornerà sul Pubblico Passeggio e sarà lieta di donare dolci ed allegria ai bambini piacentini. Saranno presenti anche i “giochi di una volta”, con i quali i bambini potranno divertirsi assaporando il piacere di giocare una volta tanto senza l’impiego di giochi elettronici e un simpaticissimo e bravissimo mago prestigiatore, che divertirà e stupirà i bambini (e non solo) con la sua abilità e simpatia.

Il ritrovo con i motociclisti partecipanti e la Befana è fissato sul Pubblico Passeggio alle ore 09.00, per la partenza alle 10.00. La Befana ed i suoi accompagnatori torneranno al luogo di partenza verso le ore 11.00.

Casa di Cura

B.A.C.A.®

Nasce negli Usa nel 1995 ed è un’Associazione NO PROFIT nata con l’intento di combattere la piaga delle violenze e dei maltrattamenti sui minori, di dar loro sostegno, sicurezza e conforto, aiutarli a non vivere più nella paura e far recuperare loro fiducia nel mondo, in particolare negli adulti.

Dalla “Dichiarazione di Missione” di B.A.C.A®.:

Bikers Against Child Abuse ®(B.A.C.A.®), “Motociclisti Contro l’Abuso sui Bambini”, esiste con l’intento di creare un ambiente più sicuro per i bambini vittime di abuso. Esistiamo come associazione di Bikers per dare forza ai bambini affinché non abbiano paura del mondo in cui vivono. Siamo pronti a prestare supporto ai nostri amici feriti coinvolgendoli in un’organizzazione unita e riconosciuta.

Lavoriamo insieme a funzionari locali e statali che sono già attivi nella protezione dei bambini. Desideriamo mandare un chiaro messaggio a tutti coloro che sono coinvolti nella realtà dei bambini abusati dichiarando che questi bambini fanno parte della nostra organizzazione e che siamo preparati a fornire loro il nostro supporto fisico ed emotivo tramite l’affiliazione e con la nostra presenza fisica. Siamo pronti a proteggere questi bambini da ulteriori abusi. Non giustifichiamo in alcun modo l’uso della violenza o della forza fisica, tuttavia, se sorgessero circostanze ove noi fossimo l’unico ostacolo a frapporsi tra il bambino ed un ulteriore abuso, siamo pronti ad essere quell’ostacolo.

Casa di Cura
Radio Sound
blank blank