Zanardi: “Sale scomesse senza autorizzazione, il Comune si attivi”

“Sale scomesse senza autorizzazione, il Comune si attivi per i controlli”. Lo chiede Gloria Zanardi, consigliere comunale del Gruppo Misto.

La Legge regionale n. 5/2013 ha stabilito il divieto di apertura ed esercizio delle sale gioco a distanza inferiore di 500 metri da luoghi qualificati sensibili (scuole, chiese, impianti sportivi, strutture sanitarie, luoghi di aggregazione giovanile ecc). Luoghi individuati dal Comune con apposita mappatura.

Il Comune di Piacenza ha realizzato la mappatura e, come previsto dalla normativa, ha inviato le note informative. Successivamente, ha avviato i relativi procedimenti amministrativi per gli esercizi interessati dal divieto.
Gloria Zanardi (gruppo misto) ha presentato un’interrogazione in merito, domandando al Comune di Piacenza se intende attivarsi anche nei confronti degli esercizi che offrono servizi di raccolta di scommesse sportive. Si tratta di esercizi in favore di bookmaker esteri e che non risultano oggi in possesso di autorizzazione di cui all’art. 88 TULPS per l’esercizio dell’attività scommesse rilasciate dalla Questura di Piacenza.

“Nel territorio del comune di Piacenza sono presenti esercizi di questo tipo ubicati a distanza inferiore di 500 metri dai luoghi sensibili. Ho chiesto al Comune se si è già attivato, o intende farlo, per applicare la disciplina della localizzazione anche nei loro confronti.