Aumento dei prezzi, Confcommercio: “Una stangata sulle famiglie che si tradurrà in un crollo dei consumi e in uno shock per le imprese”

Bollette, calo di circa del 10% delle tariffe di luce e gas. Samuelli (Confesercenti Piacenza): “Per le attività è una goccia nell’Oceano" - AUDIO

“Una stangata sulle famiglie che si tradurrà in un crollo dei consumi e in uno shock per le imprese”: Raffaele Chiappa, presidente di Confcommercio Piacenza, sintetizza con queste parole i risultati dell’ultima ricerca dell’associazione di categoria che stima, nel corso del 2022, un aumento dei consumi di base (quelli essenziali per i nuclei familiari) di 1.826 euro. “Soldi che, com’è facile immaginare, saranno sottratti ai cosiddetti consumi liberi, andando a penalizzare così interi settori che stavano cominciando a intravedere la luce dopo la tragedia economica e sociale del Covid” sottolinea Chiappa. In particolare, secondo l’analisi dell’Ufficio Studi di Confcommercio, gli italiani spenderanno 1.220 euro in più per luce e gas, 320 euro per i carburanti e 286 euro per alimentari e altri prodotti essenziali.

Il quadro generale tracciato dall’analisi vede, in percentuale, l’ICC (Indicatore dei Consumi Confcommercio) segnalare a febbraio 2022 un incremento, su base annua, del 5,1 punti confermando la tendenza ad un recupero meno accentuato. Il confronto su base annua continua a risentire delle diverse condizioni in cui hanno operato le imprese nel 2021 e nel 2022. Situazione che ha portato ad una variazione del 27,7% della domanda relativa ai servizi.

blank

Per quanto riguarda i beni il confronto, con febbraio 2021, segnala un calo dello 0,8%. In termini destagionalizzati, dopo il brusco ridimensionamento della domanda registrato a gennaio, anche a febbraio si rileva una contrazione, con un calo su base mensile dell’1,3%, tendenza che ha interessato sia i beni che i servizi.

Nel confronto con febbraio 2020 la domanda calcolata dall’Icc risulta ancora inferiore del 10,2% mentre per i servizi il calo si attesta al 21,3%.

In un contesto in cui quasi tutti i segmenti di consumo evidenziano una minore dinamicità, i recuperi più significativi, nel confronto con il 2021, si confermano (pur tra le incognite dei prossimi mesi) per i servizi legati al turismo e alla fruizione del tempo libero. Per questi settori il deficit rispetto a febbraio 2020 si mantiene, comunque, ingente.

Anche per l’abbigliamento e le calzature, nonostante il recupero degli ultimi mesi, i livelli di consumo rimangono distanti da quelli registrati nei primi mesi del 2020. Decisamente critica si conferma la situazione nel settore del cosiddetto “automotive” con un calo, a febbraio 2022, della domanda di autovetture da parte delle famiglie del 25,9% rispetto allo stesso mese del 2021. “Anche per quei settori, quali elettrodomestici, tv e alimentare, che avevano retto meglio l’urto del calo della richiesta nel 2020 – sottolinea Chiappa – i segnali di rallentamento della domanda si stanno facendo sempre più marcati. A questo è da aggiungere che il persistere di forti tensioni sui mercati delle materie prime, energetiche e non, continua a spingere al rialzo la dinamica dei prezzi con una tendenza che ci accompagnerà almeno fino ai mesi estivi”.

Da qui l’appello alle istituzioni: “Due anni di crisi economica legata al Covid, i rincari di materie prime, carburanti ed energia e ora le cupe incognite della guerra in Ucraina ci stanno trascinando in una ‘tempesta perfetta’ che potrebbe segnare un punto di non ritorno per le imprese e per l’intera economia italiana – avverte Chiappa – I recenti passi del governo sono un segnale apprezzabile ma sul piano concreto gli effetti saranno pressoché impalpabili. Occorre una risposta a livello di Unione Europea per immettere ossigeno nel sistema imprenditoriale. Al quale, ridotto com’è allo stremo, non è più possibile chiedere di farsi per l’ennesima volta carico di costi sociali ed economici insostenibili”.  

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank