#FarneseEstate: “Favole al telefono” di Gianni Rodari con Peppe Servillo e Geoff Westley l’11 settembre

#FarneseEstate: “Favole al telefono” di Gianni Rodari con Peppe Servillo e Geoff Westley

Sabato 11 settembre alle 21 nel cortile di Palazzo Farnese andranno in scena le “Favole al telefono” (1962) di Gianni Rodari che appartengono alla nostra memoria collettiva. La straordinaria capacità di invenzione di Rodari si coniuga con l’osservazione della realtà contemporanea, senza però mai scadere nel moralismo fine a sé stesso. Il ragionier Bianchi, rappresentante di commercio degli anni Sessanta, che al telefono ogni sera racconta alla sua bambina favole dagli esiti imprevedibili, appartiene alla nostra vita quotidiana, questa figura può essere uno di noi.

blank

Le “Favole al telefono” sono un testo ormai classico, non conoscono il passare del tempo, conservano immutate le doti originali di eleganza, di ironia, di freschezza: i personaggi anticonformisti e gli eventi imprevisti, le dolcissime strade di cioccolato, i saporitissimi palazzi di gelato, i numeri paradossali e le domande assurde costituiscono i punti di forza di quella inesauribile capacità di invenzione che Gianni Rodari sapeva coniugare con la puntuale, seria e civile osservazione della realtà: “Queste “Fiabe” – ha commentato in più occasioni Servillo – non sono figlie delle celebrazioni per i cent’anni dalla nascita di Rodari, quanto dell’amore per questo autore che coltivo con mia moglie, che è insegnante e lo usa nella pratica di tutti i giorni, e dell’amicizia che mi lega al compositore Geoff Westley che ho conosciuto anni fa a Milano, in occasione di un concerto per De Andrè eseguito con l’Orchetra Verdi; da tempo pensavo a un progetto originale da realizzare con lui. Che si adattasse ai nostri specifici: un testo interpretato da me e accompagnato dalle sue musiche”. E proprio un incontro tra Peppe Servillo e Geoff Westley ha fatto sì che potesse nascere e svilupparsi un progetto di Music Theatre basato proprio sulle “Favole” di Rodari. Per ogni brano un’introduzione musicale, poi la musica che diventa sottofondo, sul quale Servillo inizia il racconto.

Le “Fiabe” permettono la realizzazione proprio dell’idea di integrazione tra parole e musica, di interazione tra il linguaggio della fantasia e quello musicale. Ancora Servillo: “Le due cose qui convivono: il testo è partitura, e la musica ne interpreta la natura, senza quelle sovrapposizioni che solitamente danneggiano la comprensione della parola. Geoff parla perfettamente l’italiano, e quindi è anche stato in grado di esprimerne ogni sfumatura”. La formazione da camera che le esegue, composta dallo stesso Westley al piano e da Serafino Tedesi al violino, Alberto Lo Gatto al contrabbasso, Valerio Galla alle percussioni, Andrès Villani al sax e flauto, Giovanni Forestan al sax e clarinetto, Giovanni Strinati al corno, ha sonorità diverse che evitano “la trappola” del semplice accompagnamento.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank