Autotrasporto, divieto di circolazione per lasciare spazio ai vacanzieri. Ruote Libere: “Lavorare ormai è un percorso a ostacoli”

Autotrasporto, divieto di circolazione per lasciare spazio ai vacanzieri. Ruote Libere: "Lavorare ormai è un percorso a ostacoli"

Autotrasporto, divieto di circolazione dalle 16 del 30 luglio per lasciare spazio ai vacanzieri. I conducenti: “Lavorare ormai è un percorso a ostacoli”.

blank

La posizione della portavoce di Ruote Libere (raggruppamento di piccoli imprenditori dell’autotrasporto), Cinzia Franchini

“Oggi, venerdì 30 luglio, in base al calendario annuale dei divieti di circolazione, gli autotrasportatori si devono fermare alle 16 per non ostacolare l’esodo dei vacanzieri sulla rete autostradale. Quella che forse un tempo è stata una norma di buonsenso, oggi è lo specchio del percorso a ostacoli che la categoria degli autotrasportatori è costretta ad affrontare ogni giorno, semplicemente per fare il proprio mestiere”. A parlare è la portavoce di Ruote Libere (raggruppamento di piccoli imprenditori dell’autotrasporto), Cinzia Franchini.

Autotrasporto, divieto di circolazione per lasciare spazio ai vacanzieri


“Sul settore dell’autotrasporto ricadono ormai da anni le inefficienze strutturali del Paese – continua Cinzia Franchini -. Costretti a fare i tempi con le rigidissime norme dei tempi di guida e riposo che vanno ovviamente adattate agli orari di apertura dei magazzini, obbligati a viaggiare su una rete autostradale obsoleta e tempestata di micro-cantieri aperti per tamponare l’emergenza, gravati da un sistema burocratico vetusto e barocco che impone divieti, come quello di oggi, completamente fuori dalla realtà, gli autotrasportati continuano a svolgere il proprio lavoro a servizio di altre categorie e continuando a calpestare non solo i propri diritti, ma anche la propria dignità. Ad aggravare questo quadro, la beffa rappresentata dal ruolo, puramente autoreferenziale, delle associazioni di categoria le quali, lungi dal rappresentare i bisogni del settore, sono scollegate dalla realtà e dai problemi degli associati e continuano viceversa a lavorare per mantenere i propri apparati, in primis attraverso il sistema del rimborso pedaggi e dei consorzi di servizi, e per cercare di intercettare, in questa chiave anche i fondi europei in arrivo. E allora, ancora una volta, agli autotrasportatori, tra le categorie fintamente osannate durante il periodo del primo lockdown, non resta che augurare buone ferie ai vacanzieri, ricordando che in un Paese civile i diritti dei lavoratori o sono di tutti o non sono più diritti”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank