Volley B maschile, la Canottieri Ongina sfida i talenti del Modena Volley con vista sul secondo posto

canottieri ongina

Sabato alle 18 a Monticelli i Canottieri Ongina di mauro Bartolomeo – terzi – affrontano i “baby canarini”, quarti a -1: chi vince approfitterà del turno di riposo di Mantova.

Terza contro quarta in classifica, con la possibilità per chi vince di appropriarsi del secondo posto approfittando del turno di Mantova. Nel girone B di serie B maschile, i riflettori sono puntati sul palazzetto di Monticelli d’Ongina, dove alle 18 andrà in scena la sfida della nona giornata d’andata tra la Canottieri Ongina e il Modena Volley.

La squadra di Mauro Bartolomeo è attualmente terza in classifica e proverà a respingere l’assalto dei “baby-canarini”, che inseguono a una sola lunghezza, mentre davanti di un punto rispetto ai piacentini c’è il Gabbiano Mantova, che però osserva il turno di riposo. L’occasione, dunque, è ghiotta per entrambi, con la Canottieri Ongina che arriva all’appuntamento dopo la rimonta vincente di sabato scorso contro l’AMA San Martino in Rio (da 2-0 a 2-3).

“Modena – avverte coach Bartolomeo – è una squadra che ha qualità e ricalca un po’ il discorso di Trento dello scorso anno. Ci sono ragazzi di prospettiva ed è una formazione under 19, con talenti di caratura internazionale come per esempio Rinaldi. Chiaramente, essendo una squadra giovane, se viene fatta giocare si esalta e può metterti estremamente in difficoltà. Vorrei vedere l’intensità della Canottieri Ongina del quarto e del quinto set di sabato scorso insieme alla lucidità, anche se queste doti andranno messe in campo fin dall’inizio e non andando in confusione se qualcosa non  dovesse funzionare. Della rimonta di San Martino in Rio porto dietro anche la consapevolezza di avere diverse soluzioni valide per l’assetto di gioco”.

L’avversario

Il Modena Volley è la seconda formazione del club di Superlega ed è allenata da Andrea Tomasini, da 26 anni al lavoro al PalaPanini e tecnico di grande esperienza, lanciando in orbita tanti giovani. “Questo – spiega il tecnico dei canarini – è un gruppo sul quale abbiamo creduto e che è al terzo anno del ciclo, pur essendo un po’ allargato e comprendendo atleti delle classi 2000, 2001 e 2002. I centrali Andrea Truocchio e Giovanni Sanguinetti sono aggregati in pianta stabile a rotazione in prima squadra, poi quando serve anche l’opposto Tommaso Rinaldi (mvp ai Mondiali  under 19 vinti dall’Italia) si allena con la squadra di Superlega, ma non è il solo.

Ogni tanto al lunedì sosteniamo allenamenti congiunti con la rosa di Andrea Giani. Il nostro campionato sta andando bene, questo gruppo ha voglia di fare, a volte è limitato da infortuni ma ha potenzialità. Siamo molto orgogliosi di loro, spingono molto in allenamento. Per noi, il fattore continuità è importante. A volte ci perdiamo un po’ per inesperienza ed esuberanza, per di più in un campionato di alto livello. La Canottieri Ongina è una squadra che ha picchi di rendimento molto alti e in quei casi è molto difficile da arginare, poi è anche normale non tenere quei ritmi sempre. Spero sia una bella partita”.